ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli USA votano contro la mozione ONU per la revoca dell'embargo a Cuba

Per il ventiquattresimo anno consecutivo, l’Assemblea Generale dell’Onu ha approvato una mozione che chiede la revoca dell’embargo statunitense

Lettura in corso:

Gli USA votano contro la mozione ONU per la revoca dell'embargo a Cuba

Dimensioni di testo Aa Aa

Per il ventiquattresimo anno consecutivo, l’Assemblea Generale dell’Onu ha approvato una mozione che chiede la revoca dell’embargo statunitense contro Cuba. La risoluzione, non vincolante, è passata a stragrande maggioranza: 191 voti favorevoli e due soli contrari, quelli di Stati Uniti e Israele. Il no di Washington stupisce e delude l’Avana, dopo il disgelo degli ultimi mesi.

“I costi umani che le sanzioni hanno causato sono inestimabili – sottolinea il ministro degli esteri cubano Bruno Rodriguez Parrillia -. Il settantasette per cento dei cubani ha sofferto per l’embargo dal giorno in cui è nato.”

Washington respinge le accuse al mittente e critica il fatto che la risoluzione sia stata presentata.

“Anche se la normalizzazione sarà un cammino lungo e complesso – osserva il vice-ambasciatore statunitense all’Onu, Ronald Godard -, abbiamo fatto progressi considerevoli. Ci dispiace però che il governo di Cuba abbia scelto di procedere comunque con la sua risoluzione annuale. Il testo non reflette i passi significativi che sono stati fatti e lo spirito dell’impegno che il Presidente Obama ha promosso.”

L’embargo ha penalizzato tutta la popolazione cubana, ma ai giovani sembra ancora più anacronistico, come fa capire Maricara Rodrigues, una studentessa.
“È una cosa che non dovrebbe esistere – afferma -, perché siamo nel 21esimo secolo e questi conflitti assurdi dovrebbero finire.”

Nonostante le relazioni diplomatiche riavviate da Obama, il Congresso statunitense si oppone alla revoca dell’embargo, che rimane oggetto della retorica politica in entrambi i Paesi.