ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Beckenbauer: "Un errore i soldi alla FIFA, ma non erano per comprare il Mondiale"

L'allora presidente del Comitato organizzatore sul presunto acquisto di voti per assicurare alla Germania l'organizzazione dell'edizione 2006

Lettura in corso:

Beckenbauer: "Un errore i soldi alla FIFA, ma non erano per comprare il Mondiale"

Dimensioni di testo Aa Aa

Un errore sì, un tentativo di comprare i voti della FIFA per l’assegnazione dei Mondiali del 2006 no. Allora alla guida del comitato organizzatore della Coppa del Mondo in Germania, Franz Beckenbauer interviene per la prima volta nello scandalo sulla presunta compravendita di voti, scoppiato in seguito a un’inchiesta del settimanale tedesco Der Spiegel.

“La proposta di pagare un contributo finanziario – ha detto Beckenbauer – è venuta dalla commissione finanza della FIFA, ma il comitato organizzatore non avrebbe dovuto accettare”. Il versamento in questione, da 6 milioni e 700 mila euro, risale al 2005 e, secondo lo Spiegel sarebbe stato effettuato grazie a dei fondi neri stanziati appositamente per assicurare alla Germania l’organizzazione della Coppa del Mondo.