ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al Moma in mostra Torres García, il maestro del Costruttivismo

Lettura in corso:

Al Moma in mostra Torres García, il maestro del Costruttivismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Moma di New York onora l’arte di Joaquín Torres García, maestro del Costruttivismo, artista faro del 20esimo secolo. Lasciato l’Uruguay nel 1891

Il Moma di New York onora l’arte di Joaquín Torres García, maestro del Costruttivismo, artista faro del 20esimo secolo.

Lasciato l’Uruguay nel 1891, studiò a Barcellona, dedicandosi alla pittura murale, nel 1924 si stabilì a Parigi dove fu in stretto rapporto con Kandinskij e Mondrian e orientò la sua ricerca pittorica verso il Costruttivismo.

Luis Perez-Orama, curatore Arte latino-americana, Moma:
“In America Latina è considerato tra le poche figure cardine dell’Arte Moderna. La sua influenza è stata grande anche negli Stati Uniti, gli artisti nordamericani hanno sempre riconosciuto la sua arte ma negli Stati Uniti, ma dagli anni 70 non c’era una retrospettiva a lui dedicata”.

La mostra ripercorre due periodi principali: dal 1923 al 1933, quando Torres-Garcia agli albori dell’avanguardia europea ha creato uno stile che diventerà la cifra della sua arte. Il secondo periodo svela il suo ritorno in Uruguay come spiega Luis Perez Orama: “Tra il 1935 e il 1938 a Montevideo Torres-Garcia dà corpo ad uno delle più importanti creazioni di arte astratta nel continente americano di quel tempo. Le figure ritratte non sono identificabili ma la forza di quelle immagini rimanda all’architettura precolombiana, l’opera come costruzione, e credo che quello sia stato uno dei momenti più alti della sua carriera”.

Torres-Garcia ha influenzato artisti come Barnett Neweman e Jean Michel Basquiat.

Le 190 opere dell’artista saranno in mostra al Moma fino al 15 febbraio.