ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La testimonianza di Julien Hababou: "Molti pensionati arsi vivi"

Fabien Farge, euronews: “Francia a lutto per la peggiore catastrofe della storia da 33 anni a questa parte. Collegato con noi, dal luogo

Lettura in corso:

La testimonianza di Julien Hababou: "Molti pensionati arsi vivi"

Dimensioni di testo Aa Aa

Fabien Farge, euronews:
“Francia a lutto per la peggiore catastrofe della storia da 33 anni a questa parte. Collegato con noi, dal luogo dell’incidente, l’inviato speciale della tv francese M6 Julien Hababou. Cos‘è accaduto questa mattina a Puisseguin?”

Julien Hababou, inviato di M6:
“Alle 7:30 di questa mattina, le condizioni meteo erano piuttosto buone ma era ancora buio. La strada è sinuosa, è una provinciale che attraversa i vigneti nel sud ovest della Francia. All’improvviso, non si sa ancora per quale ragione, un autobus con a bordo una cinquantina di pensionati è entrato in collisione con un tir che sembra viaggiasse in mezzo alla strada. Dopo il frontale i due veicoli hanno preso fuoco, alcune persone sono bruciate vive, altre subito dopo lo scontro”.

euronews:
“La commozione è forte e le principali autorità francesi si sono recate sul posto o ci andranno…”

Julien Hababou:
“Ovviamente Manuel Valls è arrivato sul posto. Ad accompagnare il Primo Ministro c’era il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve e Alain Vidalies, Segretario di Stato ai Trasporti. François Hollande ha reso omaggio alle vittime da Atene, durante la sua visita di Stato in Grecia. L’idea è mostrare il sostegno della nazione francese ai familiari delle vittime così come all’unità di crisi che è stata creata. Il piano d’emergenza francese chiamato ‘Orsec’ è stato attivato per una migliore organizzazione dei soccorsi così come per aiutare i parenti delle vittime che ovviamente giungono sul posto e che, come è facile, immaginare sono sotto choc. Ma, da ultimo, anche per l’inchiesta che è stata aperta. Per sapere come questa
collisione sia avvenuta, come i due veicoli abbiano potuto incendiarsi e causare così tante vittime”.