ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Ritorno al futuro", o la storia trent'anni dopo il 1985

21 ottobre 2015, la data del ritorno al futuro: la saga di “Ritorno al futuro” ha impresso nella memoria dei suoi fan una data fatidica, e quella

Lettura in corso:

"Ritorno al futuro", o la storia trent'anni dopo il 1985

Dimensioni di testo Aa Aa

21 ottobre 2015, la data del ritorno al futuro: la saga di “Ritorno al futuro” ha impresso nella memoria dei suoi fan una data fatidica, e quella data è ora. Cosa sarebbe divenuto il mondo, se la storia fosse andata avanti come avrebbe potuto, e non come è andata? In questi giorni si sono sbizzarriti in molti a immaginare gli scenari più pazzeschi e nello stesso tempo per nulla improbabili, se il punto di vista è quello del 1985.
Qui ci limitiamo al nostro punto di vista, quello del 2015, e a verificare in immagini quello che il mondo era ed ora è.

In Afghanistan, per esempio: nel 1985 due guerriglieri si preparano a sparare con un mortaio da 82 millimetri contro una postazione sovietica. E nel 2015 è un altro pezzo d’artiglieria a essere usato, questa volta dall’esercito afghano contro i Taleban, a Kunduz. Due immagini che dicono una cosa: trent’anni dopo, è ancora guerra.

E trent’anni dopo è ancora fuga dalla guerra: nell’immagine del 1985, centinaia di rifugiati afghani in fuga sulle strade di Islamabad dopo che la polizia ha disperso una protesta presso l’ambasciata sovietica, mentre altri rifugiati, trent’anni dopo, arrivano sull’isola di Lesbos. Nella foto del 2015 è ancora un giovane afghano a saltare a terra da un gommone stracarico.

Molto più a Ovest, Cuba: nel 1985, a embargo statunitense già in corso da più di 20 anni, una Chevrolet è ancora lì, parcheggiata nella città vecchia dell’Avana.
Nel 2015 l’auto è “vintage”, e percorre il Malecon per uno scambio culturale in occasione del ristabilimento delle relazioni diplomatiche tra Cuba e Stati Uniti.

E poi nel 1985 veniva immesso sul mercato l’Amiga 1000, il primo PC della gamma Amiga della Commodore. Rivoluzionario perché piccolo all’epoca.

2015 Trent’anni dopo siamo nell’era Apple, ormai giunti all’iWatch: il computer è ormai al polso, e in più comunica. Ma se arrivate freschi di sbarco dalla macchina del tempo non mancherete di notare che manca la porta per il floppy disk.

Nel 1985 l’allora Ministro della Difesa israealiano Yitzhak Rabin, il Primo Ministro Shimon Peres e il Ministro dell’Industria e del Commercio Ariel Sharon assistono alle fasi finali di un’imponente manovra militare
Nel 2015 il Primo Ministro di Israele è Benjamin Netanyahu, che nell’immagine chiacchiera con alcuni militari a una postazione vicino al monte Hermon, nel Golan.

Gli attentati suicidi, a trent’anni di distanza, hanno forse fatto in tempo a creare assuefazione tra il pubblico, ma la sostanza non cambia.
Nel 1985 questo 24enne col kalashnikov si immolerà poco dopo questo scatto in un’autobomba diretta a una milizia filo-israeliana nel Libano meridionale.

Nel 2015, soldati dell’esercito libanese ispezionano un locale nel quale si è appena verificato un attentato suicida (a Jabal Mohsen, vicino a Tripoli, nel Nord del Libano).

Da un Papa all’altro, è innegabile che il Vaticano abbia visto molti sviluppi e anche parecchi scossoni. L’iconografia però non cambia di molto: nel 1985 è Papa Giovanni II a toccare le mani dei fedeli venezuelani, accorsi a vederlo a Caracas.
Nel 2015 è invece Papa Francesco ad attraversare la folla su una Papamobile a El Quinche, in Ecuador.

1985: Mikhail Gorbaciov, Segretario Generale del Partito Comunista sovietico, stringe la mano al capo del Consiglio Rivoluzionario dell’Afghanistan.

Nel 2015 è il Presidente russo Vladimir Putin a incontrare al Cremlino l’ex presidente afghano Hamid Karza.

Nel 1985, l’ex star del tennis mondiale, Bjorn Borg, è seduto con la compagna Janike durante il lancio a Parigi della linea d’abbigliamento “Bjorn Borg Menswear Collection”.

Nel 2015, l’ex capitano della nazionale inglese di calcio, David Beckham, è fotografato con la figlia Harper e il figlio Brooklyn durante la presemntazione a New York della collezione autunno/inverno firmata da Victoria Beckham.

1985 Nancy e Ronald Reagan
2015 Barack e Michelle Obama

1985 La Principessa Diana con i Principi Harry e William
2015 Il Principe William con sua moglie Catherine, la figlia Principessa Charlotte e il Principe George

Nel 1985, Junior, membro della nazionale brasiliana di calcio, aiuta il compagno di squadra Socrates
Nel 2015 il calciatore brasiliano della foto è Willian

E per concludere: Doc e Marty McFly, allora e oggi.