ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Intervista ai vikinghi Mads Mikkelsen e Nicolas Winding Refn

Lettura in corso:

Intervista ai vikinghi Mads Mikkelsen e Nicolas Winding Refn

Dimensioni di testo Aa Aa

Quest’anno il Festival Lumière di Lione ha reso omaggio al cinema danese ospitando con tutti gli onori il pluridecorato attore danese Mads Mikkelsen

Quest’anno il Festival Lumière di Lione ha reso omaggio al cinema danese ospitando con tutti gli onori il pluridecorato attore danese Mads Mikkelsen e il regista Nicolas Winding Refn.

Il duetto ha parlato con noi delle loro carriere che si sono spesso incrociate, del movimento Dogma e dei loro B-movies.

La loro prima avventura cinematografica era stata la fiction a basso costo
‘Pusher’ che Mikkelsen ha ricordato.

Mads Mikkelsen, attore: “Era stata soprattutto la spinta dell’energia piuttosto di quello che cercavamo di fare che in precedenza non era stato fatto o meglio che era stato fatto ma non come lo avremmo fatto noi e come ha detto Nicolas la cosa migliore che ti puo’ arrivare è che le persone vengano ispirate a fare i loro film a loro modo e non nel nostro”.

Nicolas Winding Refn, regista: “Credo sia importante fare qualcosa di diverso buono o meno buono non conta. La creatività è in generale un flusso di emozioni che puo’ ispirarti, penetrart, influenzarti o interessarti sia che tu lo apprezzi o lo detesti questo è lo scopo quindi direi che la diversità regna sovrana”.

Stando a Mikkelsen, ‘Pusher’ è il film che ha ispirato il movimento cinematografico Dogma 95 fondato appunto nel 1995 da Lars Von Trier che sosteneva un uso elaborato di effetti speciali e tecnologia.

Mads Mikkelsen, attore: “Abbiamo girato il film senza regole, nessuna regola di illuminazione perchè non avevamo soldi nè la possibilità di pagare i costumi o la colonna sonora, voglio dire che se avessimo avuto piu’ soldi li avremmo messi nel film. L’energia del rock’n‘roll era un’ispirazione e se il movimento Dogma non lo avesse ammesso per noi sarebbe andata bene lo stesso”.

I due artisti hanno girato anche due sequel di ‘Pusher’. Poi con la fama crescente sono arrivati piu’ soldi per i film cosi’ Nicolas Winding Refn ha iniziato a girare il film sperimentale sui Vikinghi ‘Valhalla Rising’ in cui compare anche Mikkelsen.

Nicolas Winding Refn, regista: “Non siamo molto simili, in realtà non ci vediamo al di fuori del lavoro, siamo piuttosto distanti, ma quando lavoriamo siamo come una sola persona, lo è stato fin dall’inizio, non saprei perchè ma è cosi’ e funziona”.

Ex ballerino che si è dedicato al cinema solo quando era ormai trentenne
Mikkelsen ha dimostrato una straordinaria versatilità culminata nel 2012 col premio come migliore attore al Festival di Cannes per ‘Il sospetto’. L’anno prima a Cannes Winding Refn aveva vinto il premio alla migliore regia con la pellicola ‘Drive’.

Mads Mikkelsen, attore: “Credo che dentro quel buio ci sia anche una massa enorme di luce, e si nota anche l’umorismo nel film di Nicolas, come dicevo… beh, Buster Keaton non sorride mai … invece lui! E quando lo fa, il cielo si apre in modo pazzesco, giusto? ‘E penso che sia la cosa a cui ci siamo appassionati entrambi: una grande luce nelle tenebre”.

Winding Refn al Festival Lumiere ha presentato anche il suo ultimo libro che include una ricca serie di manifesti di film anni Sessanta dei B-movies americani.

Nicolas Winding Refn, regista: “Mi piace naturalmente il cinema portato agli estremi ma mi piace anche il cinema che è stato fatto sotto le costrizioni della censura perchè in un certo senso è molto piu’ affascinante essendo subliminare inoltre il cinema popolare al quale ci riferiamo è contro l’autoritarismo per la sua ribellione, è una parte importante della creatività ma si ribella anche contro il buon gusto”.

A proposito dei progetti futuri Winding Refn ha parlato dell’imminente ‘Neon Demon’ nel cui cast figurano Elle Fanning, Christina Hendricks e Keanu Reeves. Mikkelsen ha ‘parlato’ del suo ruolo nel prossimo Star Wars:

Mads Mikkelsen, “Se ne dicessi una sola parola verrei crocifisso, bruciato e impiccato domani quindi diventerebbe un po’ grave per me”.