ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

GB: si aggrava l'infermiera scozzese vittima di una ricaduta del virus Ebola

Sono state definite critiche le condizioni di Pauline Cafferkey, infermiera scozzese 39enne che aveva contratto l’Ebola in Africa, alla fine del 2014

Lettura in corso:

GB: si aggrava l'infermiera scozzese vittima di una ricaduta del virus Ebola

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono state definite critiche le condizioni di Pauline Cafferkey, infermiera scozzese 39enne che aveva contratto l’Ebola in Africa, alla fine del 2014 e che era stata dichiarata guarita a gennaio.

La donna è stata vittima di una ricaduta totalmente inaspettata e lo scorso venerdì è stata trasportata in elicottero al londinese Royal Free Hospital, dall’ospedale di Glasgow dove era stata ricoverata il 6 ottobre. Per evitare il rischio di contagio, le autorità britanniche stanno monitorando 58 persone entrate in contatto con la donna recentemente, tra membri della famiglia, amici e colleghi di lavoro. Pauline aveva contratto il virus in Sierra Leone durante una missione per Save the Children. Dopo essere risultata positiva all’Ebola aveva passato un mese in isolamento nello stesso ospedale in cui è ora ricoverata.