ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: kamikaze di Ankara potrebbe essere fratello dell'attentatore di Suruc

Le indagini sull’attentato di Ankara si orientano su una possibile matrice jihadista. Il premier Ahmet Davutoglu afferma che la strage è stata

Lettura in corso:

Turchia: kamikaze di Ankara potrebbe essere fratello dell'attentatore di Suruc

Dimensioni di testo Aa Aa

Le indagini sull’attentato di Ankara si orientano su una possibile matrice jihadista.

Il premier Ahmet Davutoglu afferma che la strage è stata compiuta per influenzare le elezioni del primo novembre e annuncia che le autorità sono vicine ad identificare uno dei due kamikaze.

Per il capo del governo, i sospetti si concentrano sull’Isil, anche se non si escludono la pista curda, quindi il PKK, e i marxisti-leninisti del DHKP-C.

“Queste tre organizzazioni terroristiche – precisa Davutoglu – sono potenzialmente sospettate, ma se consideriamo come è avvenuto l’attacco e pensiamo al contesto generale degli avvenimenti, il primo sospettato è l’Isil.”

Le due esplosioni, avvenute a pochi secondi di distanza, hanno provocato almeno 97 morti, secondo il governo (128 secondo l’HDP). Circa 500 i feriti.

Gli inquirenti stanno confrontando il DNA di corpi non identificati, che potrebbero appartenere ai due assalitori suicidi, con quelli dei familiari di giovani partiti per la jihad.

Secondo i media turchi, uno dei kamikaze potrebbe essere il fratello del ventenne che a luglio causò l’attentato di Suruc, un attacco attribuito all’Isil e che presenta similitudini con quello di Ankara.