ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marcia per la pace bagnata di sangue: choc in Turchia per il duplice attacco di Ankara

Cantavano e ballavano per la pace prima della doppia esplosione che ad Ankara ha causato almeno 95 morti e 250 feriti. Un video mostra i momenti del

Lettura in corso:

Marcia per la pace bagnata di sangue: choc in Turchia per il duplice attacco di Ankara

Dimensioni di testo Aa Aa

Cantavano e ballavano per la pace prima della doppia esplosione che ad Ankara ha causato almeno 95 morti e 250 feriti. Un video mostra i momenti del duplice attacco nel centro della capitale della Turchia quando era in corso una marcia contro la ripresa del conflitto tra governo turco e i curdi del PKK, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan. Un raduno organizzato da diverse sigle sindacali, Ong e partiti di sinistra che difendono la causa curda.

Gli autori della strage potrebbero essere due attentatori suicidi. L’attentato, il più sanguinoso nella storia del Paese, non è stato ancora rivendicato ma secondo il premier turco ci sono potenziali sospetti.
“Continuano a indagare. I gruppi potenzialmente in grado di compiere questi attacchi sono i ribelli del ‘Partito dei Lavoratori del Kurdistan’ (PKK), il gruppo jihadista ‘Stato Islamico’ (Isil), Il ‘Partito-Fronte rivoluzionario di liberazione del popolo’ (Dhkp-C)”, ha detto il premier turco Davutoglu annunciando anche tre giorni di lutto nazionale.

L’obiettivo principale era il partito d’opposizione turco filo curdo Hdp, hanno denunciato i suoi esponenti, alcuni hanno puntato il dito contro il governo accusandolo di complicità. Secondo l’agenzia di stampa statale turca Anadolu, gli attacchi sono stati compiuti utilizzando tritolo con biglie di cuscinetti a sfere. “Dopo le due esplosioni queste biglie sono cadute vicino a me”: ha scritto sul suo account twitter Musa Çam, deputato del partito filo-curdo Hdp, pubblicando la foto.

Le elezioni del primo novembre si avvicinano: il Pkk curdo ha annunciato il cessate il fuoco unilaterale nel conflitto con la Turchia nel sud-est del Paese. Salvo in caso di attacchi.