ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Meeting sul terrorismo o campagna elettorale? Polemiche su Erdogan

Il presidente turco da Strasburgo: "Il 1° novembre sradicate il terrorismo dalle urne"

Lettura in corso:

Meeting sul terrorismo o campagna elettorale? Polemiche su Erdogan

Dimensioni di testo Aa Aa

Erdogan e i suoi giurano che si trattasse di un semplice incontro sul terrorismo. Prossimità delle elezioni politiche e demonizzazione delle forse pro-curde da parte di Ankara, ammantano tuttavia di dubbi l’intervento che il presidente turco ha concluso a Strasburgo, sollecitando a sfruttare l’appuntamento con le urne del 1° novembre per “sradicare il terrorismo”.

“Il nostro problema è il terrorismo – ha scandito Erdogan davanti a una platea di circa 12.000 persone -. E il nostro problema sono i terroristi. Le organizzazioni terroriste come il PKK e i partiti che le sostengono. Forze politiche che non potranno mai essere rappresentative dei nostri fratelli curdi”.

“Erdgogan vattene”, il messaggio che nel frattempo rimbalzava tra cartelli e slogan nelle vie del centro di Strasburgo, una città che da sola conta 75.000 immigrati turchi iscritti sulle liste elettorali.

Accusa dei circa 1.500 in piazza, soprattutto quella di aver sacrificato la neutralità del Capo dello Stato agli interessi elettorali.

“Ritengo del tutto fuori luogo la venuta di Erdogan qui in Francia – dice una delle organizzatrici -. In quanto Presidente non dovrebbe venire a fare campagna elettorale in Europa”.

Da settimane, Ankara ha moltiplicato le iniziative contro l’HDP, il principale partito curdo, il cui sorprendente risultato alle precedenti elezioni ha creato lo stallo politico, che ha reso necessario il ritorno alle urne.