ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attacco mortale nella città vecchia di Gerusalemme. La Jihad Islamica rivendica

Un palestinese uccide due persone e ne ferisce altrettante. Hamas: "Atto eroico". Netanyahu convoca una riunione d'emergenza

Lettura in corso:

Attacco mortale nella città vecchia di Gerusalemme. La Jihad Islamica rivendica

Dimensioni di testo Aa Aa

Un giovane palestinese ha ucciso due persone e ne ha ferite altrettante nella città vecchia di Gerusalemme. La jihad islamica ha rivendicato l’appartenenza ai suoi ranghi dell’assalitore, che è poi stato ucciso dalla polizia. Poche ore prima una figura di spicco dell’ala dura di Hamas aveva invitato i palestinesi a “prendere le armi” per difendere la spianata delle moschee. Il premier israeliano Netanyahu ha fatto sapere che convocherà per oggi una riunione d’emergenza dei servizi di sicurezza.

Tra le vittime anche un neonato, ferito in modo lieve, e una donna che fonti sanitarie giudicano invece “molto grave”. Il quotidiano israeliano Haaretz sostiene che entrambi appartengano a una stessa famiglia ultraortodossa, che si stava recando al muro del pianto al momento dell’attacco. L’assalitore li avrebbe attaccati con un coltello e, dopo essersi impossessato di una pistola che portavano con sé, avrebbe sparato anche a un agente.

L’attacco segue giorni di forti tensioni, in cui polizia e palestinesi si sono più volte fronteggiati con durezza nella città vecchia di Gerusalemme e sulla spianata delle Moschee. Appena due giorni fa, una coppia di coloni aveva perso la vita in un attacco nei territori occupati.