ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parigi: Owens, Chloe, Carven, Lanvin sulle passerelle

Lettura in corso:

Parigi: Owens, Chloe, Carven, Lanvin sulle passerelle

Dimensioni di testo Aa Aa

Modelle che indossano altre modelle in uno scenario minimalista e al tempo stesso tragico come quello di un tribu’ sopravvisuta a qualche oscura

Modelle che indossano altre modelle in uno scenario minimalista e al tempo stesso tragico come quello di un tribu’ sopravvisuta a qualche oscura catastrofe. Siamo sulla passerella primavera estate 2016 firmata Rick Owens al Palais de Tokyo, Parigi.

Nella presentazione alla stampa, Owens ha sottolineato l’uso di cinghie nei suoi disegni, dicendo che i cablaggi “sono supporto e culla” per diventare “nastri d’amore.”

La collezione, intitolata Ciclope, come quella per la sua moda uomo primaverile, sfrutta pezzi di cuoio increspato, tuniche strutturate, zip, pantaloncini e top un po’ eccentrici.

Tuta rossa con inserto marrone per la modella britannica del momento, Edie Campbell che ha calcato la passerella Chloe. Un guardaroba tutto all’insegna dello sport scic che emana ottimismo e sorprendente energia.

Ma non è in dubbio la volontà di una eleganza sportiva veramente raffinata e ricercata tanto che dopo le tute esplodono abitini corti bianchi sbuffanti di ricami.

Ai piedi sandali preziosi, veramente raffinati e cosi’ la donna Chloé diventa padrona della modernità.

Per la maison Carven che ha sfilato alle Tuileries
la vacanza scic è piu’ elegante che sportiva. Lo vogliono i nuovi stilisti Alexis Marziale e Adrin Caillaudaud che hanno sfornato una collezione da 41 pezzi con magliette senza maniche, pantaloni che fasciano ma si svasano ai piedi, gonne traforate sopra il ginocchio, colletti che definiscono il generale nitore dei tagli.

Belle le bluse in seta stampata e i colori che vanno al di là delle tinte pastello e si chiamano blu royal, tortora e mandarino.

Il concetto dell’ipereleganza ha dominato la sfilata Lanvin con un sentimento di nostalgia mediato da un certo decostruttivismo. L’obiettivo è il glamour e la raffinatezza come marchio distintivo della maison.

Lo show declina il bianco e il nero, pantaloni a vita alta, “l’essenza del vestire.” Ci sono pero’ anche abiti corti, ruches spumeggianti, stampe leopardo, paillettes, abiti di seta incastonati da corsetti, pizzo nero, e un tripudio di profumi, borse, scarpe. Lavin è tutto un mondo.

(http://www.vogue.com/13355787/paris-fashion-week-spring-2016-day-three-news/)