ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Togliere il rumore alle pale eoliche

Lettura in corso:

Togliere il rumore alle pale eoliche

Dimensioni di testo Aa Aa

In questo parco eolico presso Burgos, Spagna centrale, i tecnici con l’ausilio di una gru stanno installando un nuovo dispositivo che riduce il

In questo parco eolico presso Burgos, Spagna centrale, i tecnici con l’ausilio di una gru stanno installando un nuovo dispositivo che riduce il rumore delle turbine. L’inquinamento acustico è tra i problemi maggiori delle turbine odierne. La capacità di progettare dispositivi cosi’ a basso rumore avrà un forte impatto sul mercato dell’energia eolica, in quanto molti dei futuri aerogeneratori saranno collocati vicino alle aree urbane, dove le normative sui decibel sono molto restrittive.

Ma come funzionano questi dispositivi?

FERNANDO GARCIA AYERRA, coordinatore tecnico di WINDTRUST:
“Il disegno è fatto con una serie di denti serrati che fan si che il vento che impatta sul bordo d’uscita della pala si frammenti grazie a un disegno specifico e cosi’ riduce il rumore globale della turbina. La prova la facciamo con questo aerogeneratore da 78 metri di altezza, con rotore dal diametro di 90 metri.”

Le turbine sono alte quanto un edificio di dieci piani con un diametro della lama grande quanto un campo di calcio. Questi tecnici stanno lavorando per il progetto europeo Windtrust, il cui obiettivo è aumentare l’efficienza e ridurre i costi dell’energia eolica attraverso lo sviluppo di una nuova generazione di turbine eoliche.

Windtrust ottimizzerà l’uso della fibra di carbonio per le lame, in modo da aumentare la loro durata e ridurre il peso delle componenti, cosi’ la turbina durerà piu’ a lungo riducendo i costi di manutenzione.

In questa fabbrica presso Madrid i ricercatori stanno testando il cosiddetto “convertitore “, cioè il dispositivo che trasforma l’energia meccanica delle pale in elettricità. I tecnici vogliono massimizzare l’equilibrio tra produzione di energia e durata della macchina.

ANDRÉS AGUDO ARAQUE, esperto della GAMESA ELECTRIC:
“La macchina che vedete qui è collocata dentro l’aerogeneratore, ci sono fino a 4 unità al suo interno. Consente di convertire l’energia del rotore in energia elettrica. Nell’ambito del progetto Windtrust stiamo preparando una nuova generazione di semiconduttori che ci permettono di ridurre il numero degli elementi attivi e quindi i guasti. Inoltre riduciamo del 70% le riparazioni, anche in ambienti ad alto inquinamento e con umidità elevata come le turbine offshore. Includiamo un algoritmo che permette prevedere e anticipare un malfunzionamento prima che il guasto si produca “.

Oltre ai problemi di rumore gli ingegneri eolici devono affrontare altre sfide: le interruzioni di vento date dalle condizioni del tempo, le difficoltà di stoccare l’energia, l’impatto sull’ambiente e la fauna, gli alti costi della produzione di energia e il mantenimento dell’efficienza degli impianti.

MAURO VILLANUEVA, coordinatore del progetto WINDTRUST
:“In Europa vogliamo poter disporre di energia pulita, affidabile e al minor costo possibile. Per questo il concetto sul quale bisogna continuare a lavorare è l’affidabilità degli aerogeneratori e della principale componentistica. Per questo noi di Windtrust ci siamo dedicati ad una revisione profonda del disegno di determinate componenti e quindi possiamo dire che abbiamo davanti a noi una nuova generazione di componenti che permettono non solo di migliorare l’affidabilità delle macchine onshore ma anche delle macchine offshore.”

L’energia eolica sta diventando fonte di energia pulita e rinnovabile sempre più importante. Si potrebbe alimentare l’Europa più volte, evitando i milioni di tonnellate di CO2 e di ridurre il prezzo pagato per i combustibili fossili. Aumentare l’efficacia e la durata delle turbine contribuirà a diffondere l’eolico e a renderlo più efficiente.

http://windtrust.eu/