ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

InfoAid, dai volontari ungheresi una app per i migranti

Se non lo fanno gli Stati, ci pensano le associazioni per i diritti umani a far arrivare notizie alle migliaia di migranti da settimane bloccati

Lettura in corso:

InfoAid, dai volontari ungheresi una app per i migranti

Dimensioni di testo Aa Aa

Se non lo fanno gli Stati, ci pensano le associazioni per i diritti umani a far arrivare notizie alle migliaia di migranti da settimane bloccati lungo i confini di Ungheria, Croazia e Austria.

InfoAid, una app sul telefono cellulare creata da volontari ungheresi permette ai profughi di restare informati.

“Sono in contatto con la mia famiglia via Whatsapp, gli ho spiegato come stanno le cose attorno alle frontiere”.

L’idea è nata a una coppia di ungheresi in risposta all’incapacità del governo di informare in modo corretto i profughi, per i quali il solo fatto di essere al corrente della legislazione vigente costituisce un grande aiuto.

“Grazie a questa app molti migranti hanno appreso che la Germania aveva stabilito controlli più rigidi. E hanno avuto questa notizia per primi, perché noi abbiamo tradotto i testi nella loro lingua”.

InfoAid aiuta a trovare un medico, e informa dei rischi quotidiani, come quello di mangiare funghi mai visti prima, un rischio divenuto concreto dopo che un sedicenne è rimasto intossicato.

“Il telefono cellulare per i rifugiati non è un gadget. Le informazioni che riescono a ottenere grazie a questo mezzo fanno risparmiare soldi e tempo, ma soprattutto possono far salvare molte vite”. Nóra Shenouda, Euronews, Budaörs