ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ai Weiwei alla sua personale di Londra

Lettura in corso:

Ai Weiwei alla sua personale di Londra

Dimensioni di testo Aa Aa

Grande ritorno a Londra dell’artista cinese Ai Weiwei dove la Royal Academy dal 19 settembre, ospita una sua personale. Dopo 4 anni di segregazione

Grande ritorno a Londra dell’artista cinese Ai Weiwei dove la Royal Academy dal 19 settembre, ospita una sua personale. Dopo 4 anni di segregazione all’interno dei confini nazionali l’artista ha finalmente potuto recarsi a Londra.

La mostra è la prima ampia installazione di Ai Weiwei nel Regno Unito ed ospita pezzi che alludono alla violazioni dei diritti umani, la corruzione dei pubblici ufficiali e la collusione tra cultura cinese e consumismo occidentale.

Tim Marlow, direttore artistico della ROYAL ACADEMY: “Non voglio fare il semplice collegamento col fatto che suo padre era un noto poeta ma Ai Weiwei ha qualcosa della sensibilità del poeta, il modo in cui lavora con il materiale diventa una sorta di trasformazione poetica di quei materiali”.

Ai Weiwei era stato anche incarcerato dalle autorità cinesi e portato in località sconosciute dove era stato a lungo detenuto.

Tim Marlow, direttore artistico della ROYAL ACADEMY:“Quel che rende l’evento toccante sta nel fatto che questa volta è potuto venire. E’ la prima volta che vede una sua mostra delle quasi cento che ha fatto in tutto il mondo negli ultimi 5 anni”.

Ai Weiwei e lo scultore indo-britannico Anish Kapoor ha fatto una passeggiata a Londra con Weiwei per sensibilizzare sul problema dei rifugiati e dei migranti.

Ai Weiwei, artista dissidente: “Vogliamo svegliare le coscienze della gente per accentuare la creatività, la positività e vogliamo anche che gli artisti partecipino. Situazioni cosi’ per questo genere di rifugiati o di migranti esistono dall’inizio della storia dell’umanità”.

Anish Kapoor, scultore: “ Si potrebbe dire che in un certo senso gli artisti sono rifugiati. Siamo sempre sul confine. Siamo sempre rivolti con la mente a quel che accade fuori e per questo bisogna attivarsi ed essere generosi, bisogna aprire il nostro mondo ai meno fortunati”.

La personale di Ai Weiwei resta aperta alla londinese Royal Academy fino al 13 dicembre.

https://www.royalacademy.org.uk/exhibitions-and-events