ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Indipendentisti catalani celebrano la Diada a due settimane dal voto regionale

Una folla di indipendentisti ha celebrato la Giornata nazionale della Catalogna lungo le strade di Barcellona, in concomitanza con l’avvio della

Lettura in corso:

Indipendentisti catalani celebrano la Diada a due settimane dal voto regionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Una folla di indipendentisti ha celebrato la Giornata nazionale della Catalogna lungo le strade di Barcellona, in concomitanza con l’avvio della campagna per il voto regionale.

Tra mezzo milione di persone e quasi un milione e mezzo, secondo diversi bilanci ufficiali, nel giorno della Diada hanno ribadito la volontà di un proprio Stato, come hanno chiesto lo scorso anno in un referendum simbolico. Raül Romeva è candidato della coalizione “Insieme per il sì”: “Vogliamo che il mondo ascolti una volta e per tutte e in modo molto chiaro qual è la volontà del popolo della Catalogna. Vogliamo anche che si rispetti il mandato democratico se questa è la volontà del popolo”.

Non ha sfilato il presidente catalano Artur Mas che guida coalizione “Insieme per il sì” e vuole trasformare le elezioni del parlamento catalano in un plebiscito sull’indipendenza dalla Spagna.

Lluís Rabell, candidato della coalizione di sinistra “Catalogna, sì, possiamo”, accusa Mas di strumentalizzare la festa: “Questa manifestazione viene di fatto trasformata nell’inizio della sua campagna elettorale. Ciò mette a disagio tanta gente che ha sempre difeso i diritti sociali e nazionali della Catalogna e che ha sempre partecipato alla Diada”.

Le elezioni del 27 settembre saranno osservate con molta attenzione da Madrid, spiega la nostra inviata Cristina Giner: “La campagna elettorale catalana si annuncia intensa. Le elezioni hanno un grande interesse strategico per i partiti nazionali: da un lato misureranno la forza del processo indipendentista, dall’altro saranno il termometro in vista delle politiche del 20 dicembre”.