ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria: migranti, il governo prevede di dichiarare lo stato di emergenza

L’Ungheria intende inasprire ulteriormente la propria politica nei confronti dei migranti. Il 15 settembre il governo potrebbe introdurre lo stato di

Lettura in corso:

Ungheria: migranti, il governo prevede di dichiarare lo stato di emergenza

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Ungheria intende inasprire ulteriormente la propria politica nei confronti dei migranti. Il 15 settembre il governo potrebbe introdurre lo stato di emergenza, poi inviare l’esercito al confine e punire con tre anni di carcere chi infrange la barriera lungo la frontiera con la Serbia.

Mercoledì oltre 3200 migranti sono stati registrati, la cifra giornaliera più elevata.

Mentre il governo risponde con la linea dura, molti ungheresi vogliono invece mostrare che esiste anche un Paese solidale nei confronti dei profughi.

Alla stazione Keleti di Budapest nelle ultime settimane è stato messo in piedi un centro di accoglienza, gestito soprattutto da volontari che distribuiscono gli aiuti dei residenti.

“Voglio che si rendano conto che non siamo tutti ostili e inospitali”, afferma una volontaria ungherese. “Voglio accertarmi che non odiino tutti gli ungheresi”.

Alla frontiera con la Serbia, detenuti delle carceri ungheresi si affrettano a completare la barriera anti-migranti di 175 chilometri. Il premier Orban – che nei giorni scorsi ha sostituito il ministro della Difesa ritenendolo responsabile della lentezza dei lavori – ha fatto sapere che il muro sarà terminato prima del previsto, entro i primi di ottobre.