ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Notizie nascoste: sfottò tra tifosi, risse tra (poco) onorevoli e proteste creative

Ogni venerdì i giornalisti di tutte le lingue di euronews selezionano alcune storie, dall’Europa e dal mondo, che non hanno fatto i titoli della

Lettura in corso:

Notizie nascoste: sfottò tra tifosi, risse tra (poco) onorevoli e proteste creative

Dimensioni di testo Aa Aa

Ogni venerdì i giornalisti di tutte le lingue di euronews selezionano alcune storie, dall’Europa e dal mondo, che non hanno fatto i titoli della stampa internazionale.

Fenerbahçe contro Celtic, botta e risposta con coltelli e sfottò

Subito dopo i sorteggi di Europa League che hanno abbinato il Fenerbahçe e il Celtic, alcuni tifosi della squadra turca hanno postato su Twitter delle foto con il volto coperto e in mano dei coltelli.

I tifosi della squadra scozzese, tutt’altro che intimiditi, hanno risposto in maniera alquanto beffarda. Hanno postato delle foto-parodia in cui posano con gli oggetti più disparati, da un piumino per la polvere a una spada laser di “Guerre Stellari”. Il tutto accompagnato dall’hashtag #ThatsNotAKnife (in inglese, “questo non è un coltello”). La risposta è piaciuta a tal punto che anche le frange meno estreme dei tifosi del Fenerbahçe hanno deciso di unirsi al coro.

Maggiori informazioni (e altre foto esilaranti) a questo indirizzo


Ungheria: cinta anti-migranti per “uso personale”

Sottolineare l’assurdità della decisione del governo ungherese di costruire un muro anti-migranti e catalizzare l’attenzione sulle insostenibili condizioni di vita dei migranti in transito a Budapest. Questi gli obiettivi che hanno portato Peter Weiler, un artista di strada, a creare una sorta di cinta personalizzata: una gabbia per una persona ribattezzata “Cinta anti-migranti per uso personale”. Questo l’indirizzo della sua pagina Facebook.


Ucraina, rissa (con tanto di ossa rotte) tra parlamentari

Le telecamere a circuito chiuso di una rete televisiva hanno ripreso la rissa tra due parlamentari ucraini dopo la registrazione di un programma. Oleh Barna e Yuriy Chyzhmar, prima di questo martedì, erano compagni di coalizione. Ma la decisione del Partito Radicale di Chyzhmar di far mancare il proprio sostegno alla maggioranza in occasione del voto per una controversa modifica della costituzione ha chiaramente creato delle tensioni. Chyzhmar, tra l’altro, è quello che è uscito peggio: afferma di avere alcune costole rotte.


Deplorevole, certo. Ma va sottolineato che in Ucraina le risse tra parlamentari sono una sorta di “tradizione politica”.





Gran Bretagna: pochissimi “depositi” alla banca del seme

Soltanto nove donatori di sperma registrati in tutta la Gran Bretagna: un anno dopo la sua creazione la banca del seme ha ammesso di navigare in cattive acque. Urge un cambio di strategia, ha detto la direttrice Laura Witjens. Che ha promesso di ispirarsi, per la prossima “campagna abbonamenti”, all’esempio della Danimarca. In parole povere, si tratta di sfruttare l’orgoglio maschile.

Nel Paese nordico la tattica sembra aver funzionato, visto il successo delle banche del seme, che hanno fatto leva sulla virilità dei discendenti dei vichinghi: “Le nostre principali esportazioni? Birra, Lego e sperma!”: ecco lo slogan dei danesi. Ovviamente la questione è diventata fonte di grande ilarità sui social network per i sudditi di Sua Maestà


Grecia: per le elezioni il Partito Pirata si affida al crowdfunding

Il Partito Pirata greco ci riprova. Dopo aver ottenuto lo 0,51% alle elezioni politiche del 2012, la formazione punta a partecipare alla consultazione del 20 settembre. Tre anni fa il partito aveva speso 35 mila euro in totale. Stavolta, per cercare di far eleggere almeno un parlamentare “pirata”, ha deciso di affidarsi alla forza della Rete. L’obiettivo della campagna di crowdfunding, la raccolta fondi su Internet, è di 20 mila euro. L’annuncio (in inglese) su piratetimes.net


Russia, l’età non conta: 69enne parteciperà a concorso di bellezza

Alla veneranda età di 69 anni Valentina Nechaeva parteciperà a Miss Perm’, il concorso di bellezza della città russa. Per lei gli organizzatori del concorso hanno dovuto fare un’eccezione dato che il limite d’età era 45 anni. Le sue chance di vittoria, però, non sono poi così basse: nonostante gli anni ha mantenuto uno stile di vita molto attivo che comprende yoga e fitness. Senza contare che, negli ultimi 13 anni, ha lavorato per un’agenzia di modelle di Perm’, insegnando ad altre ragazze a recitare, sfilare e a curare il proprio aspetto. Un’avversaria da non prendere troppo sottogamba.


FONTI

glasgow.stv.tv

librarius.hu

www.pravda.com.ua

www.theguardian.com

tech.in.gr

www.perm.aif.ru