ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Serbia in ginocchio per troppi migranti non intende costruire contro-muri

Oltre alla crisi che sta bloccando l’Ungheria cosa accade dall’altra parte della frontiera, in territorio serbo? La Serbia ha detto di non voler

Lettura in corso:

La Serbia in ginocchio per troppi migranti non intende costruire contro-muri

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre alla crisi che sta bloccando l’Ungheria cosa accade dall’altra parte della frontiera, in territorio serbo?

La Serbia ha detto di non voler costuire contro-muri per arginare il flusso di migranti, ma si aspetta che l’Unione europea definisca una propria precisa politica.

La posizione della Serbia non è facile. Il premier Aleksandar Vucic ha compiuto una visita ai profughi a favore di telecamere in occasione di un viaggio della bavarese Beate Merk, reponsabile del dicastero degli esteri bavarese.

Monaco è la destinazione dove arrivano molti profughi provenienti dall’Ungheria.

Parlando di loro, Vucic ha detto di non sapere cosa potrebbe accadere a queste persone dopo il 15 settembre, quando gli ungheresi cambieranno la legge.

Anche la Merk ha chesto aiuto all’Europa per prendere la proprio parte i rifugiati. e non lasciare solo alcuni paesi di fronte al problema.

Drammatica la situazione anche in Macedonia. Nelle ultime 24 ore sono giunti ben oltre 2.000 migranti e profughi in marcia lungo la rotta
balcanica e diretti nei Paesi del nord Europa. Se ne attendono altre migliaia nelle prossime ore.