ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La chiave è il codice

Francia: un gioco da ragazzi A quale età i bambini possono imparare la scrittura in codice? In Europa sempre piú scuole introducono i principi

Lettura in corso:

La chiave è il codice

Dimensioni di testo Aa Aa

Francia: un gioco da ragazzi

A quale età i bambini possono imparare la scrittura in codice? In Europa sempre piú scuole introducono i principi fondamentali della programmazione nel loro piano di lavoro, ma in Francia c‘è un progetto, che utilizza il robot “Primo”: http://primo.io/, realizzato dalla associazione “Fréquence écoles”: http://frequence-ecoles.org/, che prevede si possa iniziare anche prima. Dopo il periodo di prova le “autorità francesi”: http://www.franceinfo.fr/actu/education/article/hollande-annonce-un-milliard-d-euros-sur-trois-ans-pour-le-numerique-l-ecole-676885 decideranno se introdurre nella scuola il gioco che aiuta a capire la programmazione con il sostegno del finanziamento pubblico.

Ungheria: l’assalto delle IT-girls

La scrittura in codice parla al maschile? Oggi la maggioranza degli sviluppatori è uomo, ma ci sono progetti che cercando di invertire questa tendenza e colmare il divario di genere nell’IT. In Ungheria, le ragazze vengono aiutate nel percorso sull’apprendimento della programmazione.
A Szeghalom, 200 km da Budapest, in una zona agricola e poco propensa a un’apertura verso l’industria high-tech di Silicon Valley, vive Szonja, 13 anni, che ha una passione considerata abbastanza insolita per una ragazzina: il computer e la scrittura in codice. Lei ha deciso di aderire al progetto “Coding Girl”: http://coding-girls.com, promosso dalla società “Prezi”: https://prezi.com e oggi seguito dalla “ONG, Skool”: http://skool.org.hu .

Paesi Bassi: “Hack the brain”

Saremo mai in grado di attivare la nostra concentrazione premendo un pulsante? O connettere due corpi da continenti diversi? “Hack the brain”: http://hackthebrain.nl/ è un evento maratona di tre giorni (hackathon), che si svolge ad Amsterdam e a Montreal in contemporanea e che riunisce artisti, designer, filosofi, sviluppatori, esperti e nerd. Si utilizzano software e hardware open source e si testano modi nuovi di usare la tecnologia e di esplorare la mente. Un “gruppo di lavoro”: http://bcimontreal.org/ ha cercato di far muovere un braccio a una persona da un continente all’altro.