ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Burning Man: cosa ci stiamo perdendo e come recuperare

Se state leggendo questo articolo allora vuol dire che sicuramente vi starete perdendo il Burning Man, perchè nel deserto del Nevada non c‘è

Lettura in corso:

Burning Man: cosa ci stiamo perdendo e come recuperare

Dimensioni di testo Aa Aa

Se state leggendo questo articolo allora vuol dire che sicuramente vi starete perdendo il Burning Man, perchè nel deserto del Nevada non c‘è connessione internet.

Anche se alcune foto sono apparse sui social network.

Ma a tutto c‘è una soluzione ed ecco che gli organizzatori hanno pensato ad un canale di Live streaming che ci permette di non perdere neppure un secondo di uno dei festival più bizzarri che ci siano

Burning Man 2015 Diretta Live

Cerchiamo di capire bene di che si tratta. Iniziamo con il dire che ci sono macchine mutanti e che il nome Burning man non implica alcun sacrificio umano. Anzi, ad essere sacrificata è una scultura che ha solamente forma umana.

Foto gallery: Burning Man 2015, le sculture. Jess Hobbs/ Flux Foundation

Burning Man 2015 artworks

Quest’anno, se le tempeste di sabbia e vento lo permetteranno, lo spettacolo, in cui verrà bruciata la statua simbolo, sarà visibile sabato 5 settembre alle 21:00 ora locale (6:00 GMTdi domenica).

Ma a questo punto le cose non sono ancora molto chiare. Non si tratta di un festival musicale, o almeno non solo, non è una parata.
È un mondo a parte, una città con le sue regole, “non regole” in cui l’unico obbilgo è sentirsi liberi. Una città nel deserto. Una cultura di possibilità. Una rete di sognatori e e di persone che agiscono. Una settimana dedicata “alla comunità, all’arte, all’espressione personale e all’autosufficienza”.

Per entrare però, bisogna riuscire ad avere un biglietto d’ingresso. Adesso è un po’ difficile trovarne uno e comunque il costo è di ben 390 euro.
Ma da qui in poi il denaro non serve più, anzi, altra regola ferrea è che tutto si può solo barattare, le uniche cose acquistabili sono ghiaccio e caffè. Il resto va portato da casa o al massimo scambiato sperando nel buon cuore degli altri partecipanti.

Ideato nel 1990 da tre amici, Kevin Evans, John Law e Michael Mikel, adesso ha raggiunto i 25 anni.
La prima cosa da fare è costruire la città, che si chiama Black Rock City ed è pianificata urbanisticamente in maniera molto attenta e rigorosa, con strade con nomi e spazi ben distinti. Con costruzioni come il “Totem delle confessioni” di Michael Garlington dove i partecipanti, chiamati anche burners, possono andare a confessare i loro “peccati”.

Ma ci sono tante altre strutture

Il “Tempio delle promesse”

R-Evolution, un’istallazione di più di 14 metri Marco Cochrane

Tutto ciò, finito il festival, deve scomparire. Così prima del 7 settembre andrà tutto in fumo, come se nulla mai fosse esistito e ci si rivede l’anno successivo per rifondare la città.

Per saperne di più

ilpost.it

www.abc.es

westword.com

dailygossipfix.com

E il lungo dibattito

Ecco alcuni tweet per partecipare alla discussione

  • Il primo Burning Man

Cos‘è Burning man?

È iniziato nel 1986 come un rituale “punk-pagano” di un gruppo di amici guidati da Larry Harvey e Jerry James. Nel 1990 il festival è stato spostato al deserto di Black Rock in Nevada perché stava diventando troppo grande per San Francisco. L’evento dura una settimana (66.000 partecipanti dello scorso anno) ed è definito, dagli organizzatori, come “un esperimento in comunità”.