ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migranti, più controlli in Austria: "I trafficanti usano metodi sempre più brutali"

Dopo il tir con 71 migranti trovati senza vita che ha indignato l’Europa, l’Austria ha rafforzato i controlli alla frontiera, lungo le autostrade a

Lettura in corso:

Migranti, più controlli in Austria: "I trafficanti usano metodi sempre più brutali"

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il tir con 71 migranti trovati senza vita che ha indignato l’Europa, l’Austria ha rafforzato i controlli alla frontiera, lungo le autostrade a ridosso dei confini con l’Ungheria. Oltre duecento migranti che viaggiavano all’interno di diversi veicoli sono stati trovati dalla polizia austriaca. I controlli vengono effettuati in maniera congiunta con le autorità ungheresi, slovacche e tedesche.

Una fila lunga 20 chilometri si è formata sull’autostrada M1 che dall’Ungheria conduce in Austria, dopo che Vienna ha incrementato le verifiche. Attenzione massima sopratutto verso i veicoli più grandi che possono essere usati dai trafficanti di esseri umani.

“Ci siamo accorti che i trafficanti usano metodi sempre più brutali e stiamo cercando di implementare misure più dure”, ha detto la ministra dell’interno austriaca Johanna Mikl-Leitner.

La polizia austriaca ha fermato anche diversi treni diretti dall’Ungheria all’Austria. Alla frontiera è stato bloccato un convoglio partito da Budapest che viaggiava verso Monaco, in Germania, con 400 migranti a bordo, soprattutto siriani. Gli agenti hanno fatto scendere i profughi per poi trasportarli con un treno locale che è già arrivato a Vienna.