ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Reportage: Euronews in Ungheria, al muro "antimigranti"

Budapest mostra i muscoli di fronte al problema dei migranti con la creazione di un nuovo corpo speciale, formato da oltre 2 mila uomini, per

Lettura in corso:

Reportage: Euronews in Ungheria, al muro "antimigranti"

Dimensioni di testo Aa Aa

Budapest mostra i muscoli di fronte al problema dei migranti con la creazione di un nuovo corpo speciale, formato da oltre 2 mila uomini, per pattugliare il confine. È la decisione del consiglio di sicurezza nazionale riunito dal presidente Orban. Il capo della polizia Karoly Papp ha assicurato ai giornalisti: i poliziotti non spareranno. Una dichiarazione in contrapposizione a quanto affermato da un portavoce dell’esercito, secondo cui si sta valutando l’uso delle forze armate.

Intanto si srotola filo spinato e si creano barriere per cercare di fermare questa marea umana che arriva alla velocità di diverse migliaia di persone al giorno.

Un giovane afghano dice: “Mio padre è stato brutalmente ammazzato, perché da dove vengo io, in Afghanistan, non c‘è rispetto della vita umana. Ti ammazzano per niente. Se hai qualcosa, ti ammazzeranno per il tuo denaro. Saranno tuoi nemici per niente. Laggiù non danno importanza alla vita umana”.

Budapest cerca un escamotage legale per fermare i migranti e dissuadere quelli che verranno. Si è pensato ad esempio di accusarli di entrata illegale e di mancanza di documenti, ma l’Ungheria non ha, comunque, abbastanza prigioni per ospitare l’enorme quantità di profughi.

Altre nazioni come la Serbia hanno deciso invece di farli passare scaricando il problema sui paesi limitrofi.

In Ungheria la situazione è disperata dice un’operatrice umanitaria: “Se non ci fossero volontari che fanno del loro meglio e se la gente non portasse cibo, non credo che i richiedenti asilo saprebbero dove andare, cosa li aspetta, cosa succederà loro”.

Il recinto, la barriera che l’Ungheria ha deciso di costruire lungo il confine con la Serbia, dovrebbe essere lungo 175 chilometri. Forse sarà terminato verso la fine di novembre. Una misura che difficilmente dissuaderà chi non ha più nulla da perdere e non può tornare indietro.