ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlino: emergenza migranti del cuore d'Europa

Emergenza immigrati anche a Berlino. Dall’inizio del mese, migliaia di profughi hanno raggiunto il cuore dell’Europa per chiedere asilo. Le autorità

Lettura in corso:

Berlino: emergenza migranti del cuore d'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Emergenza immigrati anche a Berlino.
Dall’inizio del mese, migliaia di profughi hanno raggiunto il cuore dell’Europa per chiedere asilo.
Le autorità regionali, che devono identificare e registrare queste persone, non tengono il ritmo. Mandare in tilt l’efficienza teutonica: il rischio c‘è. Anche perché in Germania si attendono 800 mila domande di asilo per il 2015. Quattro volte tanto rispetto all’anno scorso.

Una volontaria:

“Sono un’insegnante, lavoro con i bambini e anche qui do una mano in questo senso. Incontriamo le famiglie, spieghiamo loro cosa proponiamo e poi le mamme vengono con i figli o mandano i figli da soli”.

Molti volontari si sono alternati nelle settimane scorse. Il caldo torrido d’agosto non ha aiutato, molti i malesseri, la distribuzione d’acqua era essenziale.
Anche medici in vacanza hanno prestato il proprio aiuto.

Dinah Laubisch, medico:

“Trattiamo tutto e tutti, il 97% delle persone sono affette da disturbi dovuti al viaggio, piaghe ai piedi, funghi che hanno intaccato l’osso, ferite infette. Mal di gola, febbre, specialmente nei bambini. Vediamo anche adulti e bambini con vermi. Sono casi frequentissimi.

I profughi arrivano da aree a rischio, come Afghanistan, Siria. Ma ci sono anche molti profughi che arrivano dall’area dei Balcani.

Questa famiglia siriana spera di avere il permesso a breve. Quando chiediamo come siano arrivati, restano vaghi:

“Il viaggio è stato lungo, duro. Ci abbiamo messo più di un mese. Siamo qui da qualche giorno, speriamo di avere il permesso entro domani. Abbiamo perso la famiglia in un attacco del governo”.

“Della mia famiglia solo noi siamo sopravvissuti”.

La solidarietà ha animato l’estate berlinese, anche se in molti hanno fatto giusto la metà di quello che avrebbero voluto. Chi voleva ospitare in casa i profughi si è dovuto astenere per paura di incorrare nel reato di rapimento.

Per far fronte all’emergenza, la Germania anticipa di un anno il versamento di 500 milioni di euro, previsti per il 2016, ai Comuni confrontati all’emergenza.