ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, morte in diretta tv: si spegne in ospedale l'assassino dei due giornalisti

È morto in ospedale per le ferite che si è autoinferto Vester Lee Flanagan, l’uomo che ha fatto fuoco uccidendo, due suoi ex colleghi. A dirlo le

Lettura in corso:

Usa, morte in diretta tv: si spegne in ospedale l'assassino dei due giornalisti

Dimensioni di testo Aa Aa

È morto in ospedale per le ferite che si è autoinferto Vester Lee Flanagan, l’uomo che ha fatto fuoco uccidendo, due suoi ex colleghi. A dirlo le autorità della Virginia, stato americano dov‘è avvenuta la tragedia.

Una giornalista e un cameraman di un’emittente locale sono stati freddati in diretta da un ex dipendente della stessa rete, licenziato due anni fa si è sparato nella sua automobile, dopo essere stato fermato dalla polizia al termine di inseguimento. Flanagan è un afroamericano di 41 anni. Come giornalista ha lavorato per un anno con le sue vittime: la cronista Alison Parker che aveva 24 anni, e l’operatore Adam Ward che di anni ne aveva 27, i due lavoravano sempre insieme.

La donna intervistata da Alison Parker è rimasta ferita: il suo nome è Vicki Gardner, direttrice della Camera di commercio regionale.

La zona è rimasta per ore sotto stretta sorveglianza, la gente è stata invitata a non abbandonare le proprie abitazioni. Le motivazioni del gesto omicida di Flanagan si trovano forse in alcune frasi che l’ex dipendente aveva postato su Twitter. Frasi sconnesse di accuse nei confronti della sua collega Alison Parker, tacciata di aver espresso commenti razzisti nei suoi confronti. L’assassino ha scaricato sulla cronista le responsabilità del suo licenziamento. L’uomo su Facebook aveva anche ha postato il video del duplice omicidio. “Ho filmato la sparatoria, andate a vedere su facebook” aveva scritto sul suo account twitter, anche questo subito sospeso.