ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stai Uniti: Ovest in fiamme, pompieri in aiuto da Australia e Nuova Zelanda

Quasi 19mila chilometri quadrati di vegetazione in fiamme. Gli Stati Uniti affrontano una delle peggiori stagioni degli incendi della loro storia. Un

Lettura in corso:

Stai Uniti: Ovest in fiamme, pompieri in aiuto da Australia e Nuova Zelanda

Dimensioni di testo Aa Aa

Quasi 19mila chilometri quadrati di vegetazione in fiamme. Gli Stati Uniti affrontano una delle peggiori stagioni degli incendi della loro storia. Un record assoluto per lo Stato di Washington dove è stato dichiarato lo stato di emergenza: 200 abitazioni sono andate distrutte e oltre 12mila sono minacciate dalle fiamme. 29.000 pompieri sono al lavoro in cinque Stati.

“Stiamo aggredendo il fronte delle fiamme cercando di contenerlo con barriere o costruzioni. E continuiamo a fare progressi – spiega il capo delle operazioni, Todd Pechota – Ma ancora una volta, come ho già detto: bisogna affrontare questi incendi come se mangiassimo un elefante, un morso alla volta. E c‘è ancora molto da mangiare”.

13 vigili del fuoco hanno perso la vita nell’ultima settimana e la Casa Bianca ha mobilitato l’esercito. In aiuto dei colleghi americani sono arrivati anche decine di vigili del fuoco da Australia e Nuova Zelanda.

Oltre 5mila persone sono state evacuate dalle loro case e anche il Canada prepara un piano di sgombero.

Al confine meridionale del fronte degli incendi, in California, vengono usati i cannoni ad acqua che solitamente servono a produrre la neve artificiale nella stagione invernale.