ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Russia condanna il regista ucraino Oleg Sentsov: 20 anni di carcere per "terrorismo"

Accusato di aver progettato attentati e sabotaggi in Crimea dopo l'annessione da parte di Mosca

Lettura in corso:

La Russia condanna il regista ucraino Oleg Sentsov: 20 anni di carcere per "terrorismo"

Dimensioni di testo Aa Aa

Condannato a 20 anni di carcere per “terrorismo” dalla giustizia russa il regista ucraino Oleg Sentsov, insieme al coimputato Aleksandr Kolcenko – militante ecologista, a sua volta condannato a 10 anni di reclusione – dal tribunale del distretto militare russo di Rostov sul Don.

Sentsov è accusato di aver preparato attentati e sabotaggi in Crimea, penisola di cui è originario e di cui ha contestato l’annessione da parte di Mosca.L’accusa aveva chiesto 23 anni per il regista, per la cui liberazione si erano mobilitati l’Unione europea, gli Stati Uniti, le autorità di Kiev, e molti intellettuali. Tante persone sono scese in piazza per manifestare contro la sentenza.

“Conosciamo Oleg come un regista potente, un umanista. Uccidere una persona che non gli piace? Non sarebbe nemmeno capace di pensarlo. E’ un artista. Con la sua arte è in grado di rieducare le persone”.

“E’ una cosa assurda, è assurdo, una barbarie, una ferocia che non può esistere nel 21esimo secolo. Può esistere in Africa, Corea del Nord, ma non in Europa. E’ la barbarie, l’inquisizione. Non può essere così”.

Secondo il ministro dell’Interno di Kiev, sono almeno 11 i cittadini ucraini incarcerati in Russia per terrorismo o spionaggio. Il caso più noto è quello della pilota Nadia Savchenko, accusata di aver fornito
le coordinate all’artiglieria ucraina per i colpi di mortaio che uccisero due giornalisti russi nel Donbass.