ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bomba a Bangkok: "hanno colpito il turismo" secondo autorità locali

Un attacco al cuore turistico della Thailandia. Le autorità di Bangkok non hanno ancora indicato una pista per l’attentato che ha colpito la

Lettura in corso:

Bomba a Bangkok: "hanno colpito il turismo" secondo autorità locali

Dimensioni di testo Aa Aa

Un attacco al cuore turistico della Thailandia. Le autorità di Bangkok non hanno ancora indicato una pista per l’attentato che ha colpito la capitale. Ma assicurano che la bomba che ha ucciso almeno 16 persone, secondo un bilancio ancora provvisorio, puntava a colpire la presenza straniera nel Paese.

“Il raggio d’azione dell’esplosione è stato di un centinaio di metri. Gli artificeri sostengono che la bomba era costituita da 3 chilogrammi di esplosivo” ha detto Somyot Poompummuang, il Capo della Polizia thailandese.

L’ordigno, costituito da un tubo riempito di TNT, era piazzato all’interno del santuario indu di Erawan. Secondo una prima ricostruzione invece sarebbe stato collocato sotto una panchina antistante il templio. Le autorità mediche parlano di almeno 120 persone ferite dall’esplosione, avvenuta alle 7 di sera, nell’ora di massima frequentazione del quartiere commerciale di Bangkok. Il santuario è posizionato tra due dei principali centri commerciali del cuore cittadino.

“Ho sentito l’esplosione. Mi batteva il cuore all’impazzata ma non è che avessi paura. Ho visto persone ferite, qualcuno aveva perso un braccio fin dalla spalla, un’altro con la gamba amputata. Li ho portati all’ospedale” racconta un taxista che ha contribuito a fornire i primi soccorsi.

L’attentato è il più grave che abbia colpito la Thailandia, dove dall’anno scorso vige la legge marziale. Al momento non ci sono state rivendicazioni e diversi commentatori individuano la matrice dell’attacco nel tentativo di colpire la stagnante monarchia thailandese.