ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Giornata mondiale degli Elefanti

Perchè gli elefanti? Il 12 agosto è la Giornata mondiale degli Elefanti. Nata da una idea della filmmaker canadese Patricia Sims e della Fondazione

Lettura in corso:

La Giornata mondiale degli Elefanti

Dimensioni di testo Aa Aa

Perchè gli elefanti?

Il 12 agosto è la Giornata mondiale degli Elefanti. Nata da una idea della filmmaker canadese Patricia Sims e della Fondazione per la reintroduzione degli elefanti, l’iniziativa punta a richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla condizione di questi grandi mammiferi.

L’iniziativa è sostenuta sui social media con l’hashtag #elegrams lanciato dal sito nature.org.

Sono in pericolo gli elefanti?

Sia in Asia che in Africa la situazione degli elefanti rimane estremamente difficile. Altre notizie su worldelephantday.org

Gli elefanti asiatici sono considerati in pericolo di estinzione, dato che ne sono rimasti solo 40.000 in tutto il mondo.

Gli elefanti africani sono in “posizione vulnerabile”, secondo le associazioni protezionistiche.

Il Wwf sostiene che agli inizi del XX secolo si contavano cinque milioni di elefanti africani. Ora sono poco più di 300.000.

Cosa minaccia gli elefanti?

La caccia di frodo e il contrabbando di avorio sono i principali nemici degli elefanti. Per gli esperti sono anche le cause dirette della rapida riduzione del numero di capi.

L’avorio è stato messo al bando nel 1980, ma il Wwf avverte che il fenomeno del bracconaggio rimane significativo in molte aree del continente.

In Asia vivono meno elefanti che in Africa, e per loro il pericolo principale viene dalla crescita delle aree urbane, delle zone destinate all’agricoltura intensiva, alla deforstazione su larga scala.

Dal 1950 a oggi la popolazione di elefanti in Asia è diminuita del 75 per cento, secondo il sito Worldelephantday.org.

L’India, che con 30.000 esemplari ha la popolazione più numerosa, registra un ritorno del contrabbando di avorio, pratica che dopo 20 anni ha ripreso vigore soprattutto nello Stato del Kerala

Cosa si è fatto per risolvere il problema?

Gli attivisti per i diritti degli elefanti puntano ad iniziative di risonanza mondiale che possano creare forti pressioni e scoraggiare la diffusione del contrabbando di avorio.

Negli Usa, il mese scorso, il presidente Obama ha varato un piano per contrastare il commercio illegale di avorio.

Iniziatove simili sono attese in Cina, uno dei paesi indicati tra gli acquirenti dell’avorio illegale sin dal 1951.

Worldelephantday.org ha ottenuto riforme legislative in paesi come la Thailandia, e questo ha permesso di ridurre dell’85 per cento la quantità di avorio illegale disponibile nel paese.

Per concludere

Patricia Sims, co-autrice degli articoli di worldelephantday.org. dice: “La triste realtà è che più diventano rari gli elefanti più diventa caro il prezzo dell’avorio. Come ogni altro bene sul mercato questa rarità porterà gli elefanti all’estinzione. A meno che non si agisca in questa direzione. Come umani dobbiamo riconsiderare il nostro posto nella natura. Siamo o no i custodi dell’ambiente?”

INFOGRAFICA
ELEFANTE ASIATICO
Popolaszione stimata per paese (2003)

ELEFANTE AFRICANO
Evoluzione della popolazione e raggio d’area

Un elefante a passeggio coi turisti nel Parco nazionale di Amboseli, in Kenya.REUTERS/ Goran Tomasevic Un elefante cammina tra la gente nel Parco nazionale di Amboseli, in Kenya.REUTERS/ Goran Tomasevic Elefanti al lavoro in Thailandia REUTERS/Chaiwat Subprasom. Studenti e professori giocano con gli elefanti nella antica capitale thailandese Ayutthaya. REUTERS/Chaiwat Subprasom. Bagno nel fiume. REUTERS/Chaiwat Subprasom. Ora di pranzo REUTERS/Chaiwat Subprasom.