This content is not available in your region

Omicidio giornalista, continua la protesta in Messico

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Omicidio giornalista, continua la protesta in Messico

<p>La polizia messicana ha arrestato un sospetto nell’inchiesta sull’assassinio del giornalista Ruben Espinosa e di 4 donne, tutti torturati e uccisi venerdì scorso in un appartamento a Città del Messico. Ma non si placa la protesta contro il governatore dello stato di Veracruz, Javier Duarte, che era nel mirino delle inchieste giornalistiche di Espinosa.</p> <p>“Sappiamo che è responsabilità di Duarte – dice una manifestante -. Conosciamo la storia su cui Ruben e Nadia stavano lavorando. Le dichiarazioni delle autorità sull’arresto sono assurde. Quello che dicono è incoerente”.</p> <p>Nadia, una delle vittime, era l’antropologa che ospitava Espinosa nell’appartamento dell’assassinio.<br /> Il giornalista messicano, 31 anni, aveva pubblicato l’anno scorso un’inchiesta sullo stato di Veracruz criticando il governatore. Da allora si sentiva minacciato. Veracruz è un posto molto pericoloso per i giornalisti: dall’inizio del mandato di Duarte, nel 2010, ne sono stati assassinati 11.</p>