ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ritrovati a La Réunion altri resti d'aereo. Forse appartengono all'MH370

Dopo il flaperon, sulle spiagge dell’isola de La Réunion sono stati trovati anche un finestrino d’aereo e imbottiture di poltroncine. Probabilmente

Lettura in corso:

Ritrovati a La Réunion altri resti d'aereo. Forse appartengono all'MH370

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il flaperon, sulle spiagge dell’isola de La Réunion
sono stati trovati anche un finestrino d’aereo e imbottiture di poltroncine. Probabilmente anch’essi appartenenti al volo MH370.

Intanto, nei laboratori aerospaziali di Balma, in Francia,
sono iniziate le analisi approfondite sul relitto ritrovato il 29 luglio. Gli esami, condotti da un team di esperti, potrebbero fornire indicazioni preziose per il ritrovamento del Boeing 777 della Malaysia Airlines, scomparso dai radar l’8 marzo 2014. Ieri il premier malese Najib Razak ha confermato che la parte di ala rinvenuta appartiene all’aereo partito da Kuala Lumpur con destinazione Pechino.

Volo che, poco dopo il decollo, avrebbe cambiato rotta per poi finire nell’Oceano Indiano. Per il ministro degli Esteri australiano Julie Bishop è una svolta alle indagini: “Vogliamo continuare a usare questo elemento di prova per meglio focalizzare la nostra ricerca. Il ritrovamento ci dice che l’area che abbiamo delimitato è corretta e questa è una buona notizia: per lo meno abbiamo ristretto la zona dell’Oceano dove speriamo si trovi l’aereo”.

Simulazioni, condotte dall’Agenzia australiana per la scienza, mostrano come le correnti potrebbero aver
disperso i resti dell’aereo su un’immensa superficie dell’Oceano Indiano. I resti potrebbero aiutare a capire cos‘è accaduto al Boeing e alle 239 persone che erano a bordo.