ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Via libera del Kosovo a tribunale speciale su crimini di guerra Uck contro serbi


Kosovo

Via libera del Kosovo a tribunale speciale su crimini di guerra Uck contro serbi

Via libera del Parlamento kosovaro alla creazione di un tribunale speciale che indaghi sui crimini di guerra e sul presunto traffico d’organi imputati all’Uck, l’Esercito di Liberazione del Kosovo, a fine anni Novanta.

Con un voto a larghissima maggioranza (82 a favore e 5 contrari sui 120 seggi del Parlamento di Priština) i deputati hanno approvato gli emendamenti necessari ad avviare il processo. L’avvio di una indagine indipendente era già stato richiesto nel 2011 con una risoluzione del Consiglio d’Europa sulla base di una prima inchiesta cominciata nel 2008 e che riguardava nello specifico le accuse di traffico d’organi.

Prima del voto anche l’ex-Premier e Ministro degli Esteri Hashim Thaci, uno dei leader dell’Uck, si era espresso in favore della creazione del tribunale:

“Questo processo ci farà voltare pagina assieme, senza differenze politiche e in stretta collaborazione con gli Stati Uniti, l’Unione Europea e la Nato” aveva detto Thaci prima del voto. “È per questo, stimati colleghi, che faccio appello a tutti voi per votare in favore della creazione del tribunale speciale”.

Tra il 1997 e il 1999 l’organizzazione paramilitare dell’Uck si è battuta contro le autorità serbe. Oltre ai numerosi attentati e ai supposti legami con Al-Qaeda, la guerriglia kosovara è accusata di avere lucrato su un traffico d’organi ai danni dei civili serbi. Questi ultimi sono stati vittima di violenze e crimini di guerra perpetrati approfittando della ritirata delle truppe di Belgrado.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Ucraina, duri scontri nel Donbass e nulla di fatto al vertice di Minsk