ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gerusalemme, sei accoltellati al Gay Pride. Arrestato ebreo ultraortodosso

Due feriti gravi. Yishai Schlissel aveva già colpito nel 2005. Netanyahu: "Grave crimine di odio"

Lettura in corso:

Gerusalemme, sei accoltellati al Gay Pride. Arrestato ebreo ultraortodosso

Dimensioni di testo Aa Aa

Sangue sul Gay Pride di Gerusalemme dove un ebreo ultraortodosso ha accoltellato sei persone. Due dei feriti, una donna e un uomo, sono in gravi condizioni. “Ho visto quell’uomo colpire chiunque si trovasse sul suo cammino – ha detto un testimone – tutti gridavano e fuggivano. Per terra c’erano persone insanguinate”.

L’aggressore, Yishai Schlissel, 40 anni, è stato arrestato. Aveva compiuto lo stesso gesto durante il corteo per i diritti omosessuali del 2005 ferendo tre partecipanti. Per quel reato era stato condannato a 12 anni di reclusione ed era uscito dal carcere da poche settimane, beneficiando di una riduzione di pena.

“L’omofobia è radicata in città – ha detto un partecipante alla marcia – ma è questo lo scopo del corteo. Stiamo cercando di cambiare la situazione. E speriamo di riuscirci. Basta un uomo solo per creare una scena simile. Per fortuna è una minoranza”.

L’uomo ha attaccato quando la parata arcobaleno, composta da cinquemila partecipanti, stava procedendo lungo via Keren ha-Yesod, non lontano dalla residenza del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il quale ha condannato duramente il “grave crimine di odio perpetrato oggi a Gerusalemme”.