ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I turisti tedeschi non rinunciano alla Grecia: verso record di presenze

I tedeschi non rinunciano alla Grecia. La riapertura delle banche ad Atene ha fatto vincere la paura provocata dalle tensioni politiche ed

Lettura in corso:

I turisti tedeschi non rinunciano alla Grecia: verso record di presenze

Dimensioni di testo Aa Aa

I tedeschi non rinunciano alla Grecia. La riapertura delle banche ad Atene ha fatto vincere la paura provocata dalle tensioni politiche ed economiche. Questi turisti partono da Berlino. Destinazione Creta. Si uniscono agli oltre 200.000 tedeschi già in vacanza in Grecia.

“Amiamo quel posto – spiega un abitante di Berlino pronto a imbarcarsi – Andiamo in un piccolo villaggio a sud di Creta ed è un posto veramente incantevole”.

Le preoccupazioni resistono tra i vacanzieri singoli e quelli più anziani. Thomas Kunert è un agente di viaggio specializzato nelle vacanze in solitario. Dallo scorso mese di maggio, la sua attività è diminuita del 15%: “Ho trascorso metà del mio tempo nel corso delle ultime sei settimane rispondendo alle preoccupazioni dei miei clienti – dice Thomas Kunert – In generale chiedevano: c‘è la benzina, ci saranno i soldi, come faccio a chiedere aiuto se succede qualcosa?”

Gli echi della crisi colpiscono le prenotazioni last-minute, ma il numero complessivo di tedeschi in vacanza in Grecia potrebbe battere il record di 2,5 milioni di visite del 2014. Mykonos e Santorini già registrano più prenotazioni.

Sibylle Zeuch rappresenta le agenzie di viaggio tedesche: “I prezzi non cambieranno perché vengono negoziati e fissati con un anno di anticipo e restano validi per tutta la tutta l’estate”.

La Grecia potrebbe registrare un aumento dei turisti vicino al 18% rispetto al 2014 e la Germania resta uno dei principali mercati per la sua industria turistica.

“Gli sviluppi di queste ultime settimane possono fare poco per fermare i turisti tedeschi diretti in Grecia – conclude l’inviato di euronews a Berlino, Sebastian Saam – L’immagine turistica del Paese qui in Germania sembra non aver subito contraccolpi quest’estate, nonostante la crisi”.