ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mondo islamico in festa per l'Eid al Fitr, che segna la fine del Ramadan

Il mondo islamico in festa in questo venerdì in cui si celebra l’Eid al-Fitr, la festività che segna la fine del mese di Ramadan. Decine di migliaia

Lettura in corso:

Mondo islamico in festa per l'Eid al Fitr, che segna la fine del Ramadan

Dimensioni di testo Aa Aa

Il mondo islamico in festa in questo venerdì in cui si celebra l’Eid al-Fitr, la festività che segna la fine del mese di Ramadan.

Decine di migliaia i fedeli giunti a La Mecca per le preghiere. Nel giorno dell’Eid al Fitr, che in Iraq dura, invece, tre giorni, le famiglie si riuniscono per passare del tempo insieme tra cibo, preghiere e canti sacri. Anche quest’anno, però, la speranza delle famiglie della capitale irachena è di veder giungere al termine la spirale di violenza nella quale il Paese è ripiombato. “Speriamo davvero di poter avere finalmente pace e sicurezza in Iraq” ammette un residente di Baghdad “E speriamo anche che tutte le persone fuggite dal Paese possano far ritorno alle loro case. Auguro tanta fortuna a tutti gli iracheni”.

Anche Gaza celebra l’Eid, anche se l’atmosfera è segnata dagli strascichi dell’ultimo conflitto con Israele, che si è consumato appena un anno fa. La mente dei palestinesi di Gaza torna alle vittime di quei giorni di guerra, ma anche alle attuali,difficili, condizioni di vita quotidiana della popolazione. “Prima della guerra preparavamo biscotti e dolci per i bambini” racconta un’anziana palestinese di Gaza
“Gli compravamo anche degli abiti nuovi. L’Eid era davvero un giorno di festa. Ma quest’anno non possiamo farlo. Per fare i biscotti servono 800 shekel e io non ne ho nemmeno 100” .

Da Gaza a Istanbul, dove in occasione dell’Eid le famiglie preparano il tradizionale baklava, un dolce da donare ad amici e parenti. I residenti della città turca si recano, di solito al mercato delle spezie per fare incetta di prodotti e dolci. Se la maggior parte dei musulmani festeggia in questo venerdi, l’Iran e altri sciiti nel mondo avvieranno le celebrazioni un giorno dopo.