ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Emergenza rifiuti in Campania: nuova mega multa di oltre 20 milioni di euro

L’Italia è stata condannata dalla Corte di Giustizia europea a pagare una nuova multa di 20 milioni di euro e una penalità di 120 000 euro per ogni

Lettura in corso:

Emergenza rifiuti in Campania: nuova mega multa di oltre 20 milioni di euro

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Italia è stata condannata dalla Corte di Giustizia europea a pagare una nuova multa di 20 milioni di euro e una penalità di 120 000 euro per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione di una precedente sentenza del 2010.

Point of view

"Il dramma che ha gettato la Campania in una situazione preoccupante per la salute e per l’ambiente non è dato dallo scorretto smaltimento delle immondizie delle case, ma da quello pericoloso degli scarti delle industrie."

In effetti la Corte ha ritenuto che l’Italia non ha adottato le misure necessarie in Campania per il rispetto della direttiva “rifiuti” del 2006 che ha l’obiettivo di proteggere la salute umana e l’ambiente.

L’Italia era stata già condannata nel marzo del 2010 per la situazione in Campania, ora pero’ i magistrati europei hanno accolto il nuovo ricorso della Commissione europea.

Per Bruxelles esistono ancora gravi carenze strutturali per la gestione dei rifiuti in Campania, preoccupa in particolare la questione delle “ecoballe”, sei milioni di tonnellate di rifiuti, il cui smaltimento richiederà verosimilmente un periodo di quindici anni.

Le ecoballe di Giugliano

Tuttavia, scrive Padre Maurizio Patriciello, il parroco della Terra dei Fuochi in prima linea nella lotta per il risanamento ambientale:

“Il dramma che, lentamente ma inesorabilmente, ha gettato la Campania in una situazione paradossale, grottesca e preoccupante per la salute e per l’ambiente non è dato dallo scorretto smaltimento delle immondizie delle case, ma da quello terribilmente pericoloso degli scarti delle industrie.”

I traffici illeciti di rifiuti industriali, sversati spesso in modo illegale in discariche legali come la Resit di Giugliano, hanno aggravato e reso ingestibile una situazione già critica per l’assenza di impianti adeguati per lo smaltimento di rifiuti industriali.