ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran, nucleare: una giornata storica - i commenti dei negoziatori

Una giornata storica: il commento è unanime tra i partecipanti al negoziato che ha portato all’accordo sul nucleare iraniano, e i sorrisi tirati

Lettura in corso:

Iran, nucleare: una giornata storica - i commenti dei negoziatori

Dimensioni di testo Aa Aa

Una giornata storica: il commento è unanime tra i partecipanti al negoziato che ha portato all’accordo sul nucleare iraniano, e i sorrisi tirati mettono in mostra l’emozione di chi ha appena apposto la firma su un documento che ha l’ambizione di chiudere dodici anni di crisi.

Il primo a commentare è proprio il Ministro degli Esteri iraniano:

“Oggi è una giornata storica. È un grande onore per noi annunciare che abbiamo raggiunto l’accordo sul nucleare iraniano. Con coraggio, volontà politica, rispetto reciproco e leadership, abbiamo dato al mondo quello che il mondo sperava: un impegno condiviso per la pace e le mani giunte per rendere il mondo più sicuro”.

Coordinatrice del negoziato, la titolare della politica Estera dell’Unione europea aggiunge: “Il piano d’azione congiunta include il piano di lungo termine dell’Iran, con le limitazioni convenute al programma nucleare iraniano, e produrrà la cancellazione di tutte le sanzioni decise dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e anche delle sanzioni multilaterali e nazionali relative al programma nucleare iraniano”.

L’altro grande sponsor del negoziato, Washington, dimostra nelle parole del Segretario di Stato altrettanto entusiasmo:

“Il fatto è che questo accordo, una volta implementato pienamente, comporterà un’apertura e una verificabilità del programma nucleare iraniano, non per pochi anni ma per tutta la vita di quel programma. Questo è il buon accordo che cercavamo. E include anche la sensibile riduzione degli stock di uranio arricchito e delle centrifughe”.

Oltre alle Nazioni Unite, anche il Congresso statunitense dovrà valutare l’accordo, tra due mesi. Ed è quello lo scoglio principale, con i Repubblicani già sul piede di guerra.