ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: l'Eurogruppo si aggiorna, cresce il fronte del no

L’Eurogruppo straordinario sulla Grecia non decide e si aggiorna alle 11 per una nuova riunione prima dell’Eurosummit delle 16. Il fronte dei Paesi

Lettura in corso:

Grecia: l'Eurogruppo si aggiorna, cresce il fronte del no

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Eurogruppo straordinario sulla Grecia non decide e si aggiorna alle 11 per una nuova riunione prima dell’Eurosummit delle 16. Il fronte dei Paesi ostili alla Grecia è ampio, e inoltre è scoppiato il caso Finlandia: il Parlamento ha negato l’autorizzazione a negoziare un nuovo salvataggio della Grecia.
Dopo che i tecnici dell’ex Troika avevano promosso il piano greco, ora la resa dei conti è diventata tutta politica.

“Abbiamo avuto una discussione approfondita – ha detto il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem -. E’ stata trattata la questione della credibilità del piano e della fiducia nel governo, oltre alle questioni finanziarie. Ma la discussione non è conclusa, quindi continueremo alle 11. La situazione resta molto difficile ma il lavoro è ancora in corso”.

Un’ipotesi è che l’Eurogruppo possa chiedere alla Grecia di realizzare subito, nei prossimi giorni, le riforme previste dal piano. La posizione più estrema, che verrebbe dalle Germania, è invece quella di fare uscire Atene dall’eurozona per 5 anni per permetterle di ristrutturare il proprio debito.

“La riunione, cruciale per il futuro della Grecia, è durata nove ore – dice la corrispondente di euronews Efi Kutzokosta -. La Finlandia si è posta in prima linea col suo ministro che ha posto ostacoli al terzo salvataggio per la Grecia. Il partito euroscettico finlandese ha infatti minacciato di uscire dalla coalizione di governo in caso di concessione di nuovi aiuti”.