ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Difret": la condanna della tradizione

Lettura in corso:

"Difret": la condanna della tradizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Questa settimana ci ha toccato la storia di un film etiope. In Difret scopriamo una Etiopia che si stenta ad immaginare. Ci sono i verdeggianti

Questa settimana ci ha toccato la storia di un film etiope. In Difret scopriamo una Etiopia che si stenta ad immaginare.

Ci sono i verdeggianti altopiani africani ma c‘è anche l’Etiopia delle donne che resistono all’ordine stabilito.

Hirut ha 14 anni. Vive a 3 ore d’auto da Addis Abeba.

Sulla strada per andare a scuola viene rapita in quello che si definisce un rapimento prenuziale. E’ la condanna della tradizione. I fatti risalgono a 20 anni fa.

Ma Hirut non vuole essere una sposa cosi’ giovane e resiste. Viene violentata ma riesce a scappare e a uccidere il suo rapitore/aggressore.

Dopo essere stata accusata di assassinio viene aiutata da una donna avvocato di Addis Abeba. Due mondi si incontrano.

Difret è il quarto film realizzato in Etiopia e il primo film di Zeresenay Mehari corprodotto da Angelina Jolie. Un film che s’impone per la semplicità, la precisine dei toni e l’interpretazione degli attori.

“Difret” in amàrico, la lingua ufficiale dell’Etiopia, significa “coraggio”. Buona visione.