ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Brasile, un paese pazzo per il rugby

Il paese del futbol pazzo per il rugby. Il Brasile scopre una nuova passione in vista dei Giochi olimpici del 2016. Sarà quella infatti l’edizione in

Lettura in corso:

Brasile, un paese pazzo per il rugby

Dimensioni di testo Aa Aa

Il paese del futbol pazzo per il rugby. Il Brasile scopre una nuova passione in vista dei Giochi olimpici del 2016. Sarà quella infatti l’edizione in cui esordirà come sport olimpico il Rugby a 7. Il progetto UmRio vuole insegnare ai migliaia di bambini, provenienti per lo piu’ dalle favelas, a giocare anche con la palla ovale, fino a poco tempo fa assolutamente sconosciuta.

“I ragazzi arrivano abbigliati con le maglie delle squadre di calcio, provano a fare tutto da soli – ha detto il fondatore del progetto, Robert Melengreau -. Non hanno in mente il concetto di squadra, vogliono tenere il pallone in mano, dribblare tutti gli avversari e andare dritti in meta. Ma in poco tempo, circa due mesi, si sono resi conto che è impossibile farlo nel rugby. In questo sport il lavoro di squadra viene prima delle individualità”.

Quasi 50mila bambini hanno cominciato negli ultimi mesi a praticare il rugby in Brasile. Per agevolarli, è stato installato un campo, completamente gratuito, sulla spiaggia di Copacabana, che rimarrà a disposizione dei neofiti sino ai prossimi Giochi Olimpici.