ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Waterloo, che la battaglia abbia inizio! Al via le commemorazioni del bicentenario

È tutto pronto e Waterloo conta le ore: da giovedì a domenica, si commemora la battaglia che ha messo fine all’impero di Napoleone, con la vittoria

Lettura in corso:

Waterloo, che la battaglia abbia inizio! Al via le commemorazioni del bicentenario

Dimensioni di testo Aa Aa

È tutto pronto e Waterloo conta le ore: da giovedì a domenica, si commemora la battaglia che ha messo fine all’impero di Napoleone, con la vittoria degli alleati contro la Francia. Sono passati esattamente 200 anni, ecco perché per l’occasione gli organizzatori hanno fatto le cose in grande. Uno spettacolo musica e luci, due rievocazioni storiche dei combattimenti e degli immensi bivacchi. 5200 partecipanti e un migliaio di accompagnatori, familiari soprattutto, hanno già preso possesso del luogo.

Eric Edelman, “ Prince di Orange”

“Vogliamo riprodurre la storia in maniera quanto più possibile fedele. Per noi significa vivere quest’esperienza in tempi moderni e questo vuol dire che abbiamo imparato molto su come le cose venivano fatte all’epoca”.

Con una grande cerimonia protocollare, i rappresentanti ufficiali dei Paesi che allora si sono combattuti daranno il via alla commemorazione, insieme ai discendenti dei condottieri. Per Etienne Claude, che presiede l’associazione “Battaglia di Waterloo 1815” sarà una dimostrazione dell’unità europea.

“La volontà del governo belga e dei reali belgi è di diffondere un messaggio di pace, che è un po’ il prolungamento dei messaggi lanciati durante le commemorazione della Prima e della Seconda Guerra mondiale, siamo su quella stessa linea”.

E sul poco coinvolgimento da parte delle autorità francesi, che saranno rappresentate solo dall’Ambasciatore, Napoleone preferisce rispondere con ironia:

Frank Samson, “Napoleone”

“Non c‘è stato nessun problema con la Francia, che sarà rappresentata dal suo imperatore. Non vedo assolutamente dove sia il problema!”