ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Arabia Saudita, la Borsa di Riyad si apre ai capitali stranieri

Lettura in corso:

Arabia Saudita, la Borsa di Riyad si apre ai capitali stranieri

Dimensioni di testo Aa Aa

‘Apriti sesamo’. Da questo lunedì, per la prima volta nella storia, gli stranieri hanno avuto accesso a una delle piazze finanziarie più blindate del Pianeta: quella dell’Arabia Saudita, il Paese più ricco del Golfo, il quale punta a diversificare la sua economia dal petrolio attirando capitali dall’estero.

Nel primo giorno di contrattazione, per la verità, i listini hanno ceduto cinque punti percentuali. Normale, spiegano gli esperti: prima di aumentare gli scambi gli stranieri dovranno fare bene i conti con i tanti regolamenti a cui devono sottostare: solo intermediari con una certa quantità di asset gestiti (5 miliardi di dollari) e numerosi limiti alle quote acquistabili nelle singole imprese saudite.

Sei società rimangono ancora completamente inaccessibili ai capitali stranieri. Cinque sono imprese immobiliari che operano nella città sante della Mecca e Medina. La sesta è l’azienda statale di trasporti marittimi.