ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Calvi Risorta emerge la discarica abusiva più grande d'Europa, dietro l'ombra della Camorra

Rifiuti tossici industriali seppelliti in un’area di almeno 25 ettari, grande come circa 8 campi da calcio. Le indagini della procura di Santa Maria

Lettura in corso:

A Calvi Risorta emerge la discarica abusiva più grande d'Europa, dietro l'ombra della Camorra

Dimensioni di testo Aa Aa

Rifiuti tossici industriali seppelliti in un’area di almeno 25 ettari, grande come circa 8 campi da calcio. Le indagini della procura di Santa Maria Capua Vetere e i primi scavi della Guardia Forestale portano alla luce la più grande discarica illegale mai scoperta in Europa. Il sito è quello dell’ex-area della Pozzi Ginori a Calvi Risorta, a Nord di Caserta.

Il comandante regionale del Corpo Forestale Sergio Costa, intervistato dall’inviata di euronews Margherita Sforza, ha effettuato un sopralluogo nell’area in cui sono in corso le indagini: “Abbiamo trovato anche delle sostanze provenienti da fusti seppelliti che non appena sono emerse si sono solidificate sfiammando, in una reazione chimica di ossidazione. Per dimostrarle che sono dei rifiuti altamente pericolosi che avrebbero avuto un costo elevatissimo per essere smaltiti correttamente e la chiave di lettura del seppellimento è tutta qui”.

Il tesoro avvelenato accumulato qui “negli ultimi 40 anni” secondo le parole del Generale Sergio Costa sarebbe di oltre 2 milioni di metri cubi, come 800 piscine olimpiche di liquami, prodotti chimici, materiali pericolosi.

L’indagine ipotizza il reato di disastro ambientale, oltre 10 persone, in particolare i proprietari dei terreni, sono iscritti nel registro degli indagati. E gli inquirenti stanno ora indagando sulle probabili responsabilità della Camorra. “Nell’area ex Pozzi di Calvi Risorta i rifiuti sono stati tombati secondo un sistema quasi scientifico usato dal clan dei Casalesi” – ha dichiarato Costa. “Il nostro è uno spunto investigativo che va approfondito.”

All’origine dell’inchiesta il lavoro di un giornalista locale, Salvatore Minieri, che un anno fa, accompagnato da un fotografo, ha fatto le prime scoperte a cui è seguita una denuncia alla procura della Repubblica.

“Abbiamo usato delle immagini degli anni Sessanta, le abbiamo sovrapposte ad immagini recenti di questa zona ed abbiamo scoperto delle vere e proprie colline” racconta Minieri ai microfoni di euronews. “Siamo venuti con un drone e con delle zappe e abbiamo scoperto che il terreno era azzurro, rosa, insomma usciva di tutto”.

Quelli che emergono in questi giorni nel territorio di Michele Zagaria e degli Schiavone, al di fuori del territorio della cosiddetta “Terra dei Fuochi”, sono i cadaveri di un passato vecchio di decenni. Su alcuni dei primi fusti di materiale tossico portati alla luce dagli inquirenti è ancora visibile il marchio “Pozzi”, il marchio noto soprattutto per la produzione di sanitari ma impegnato anche nel settore delle vernici e di alcuni componenti per automobili.

L’inviata di euronews a Calvi Risorta Margherita Sforza: “Ad oltre 20 anni dalle prime dichiarazioni del pentito camorrista Carmine Schiavone che illustrò il traffico illecito di rifiuti qui in Campania, i cittadini della zona chiedono che sia fatta chiarezza, che si sappia esattamente cosa nasconde questa terra e quali sono i pericoli per la salute”.