ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Guerra a Gaza. Per Netanyahu rapporto Onu è una perdita di tempo

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu sceglie l’attacco preventivo. In Consiglio dei Ministri ha presentato due rapporti sulla guerra a

Lettura in corso:

Guerra a Gaza. Per Netanyahu rapporto Onu è una perdita di tempo

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu sceglie l’attacco preventivo. In Consiglio dei Ministri ha presentato due rapporti sulla guerra a Gaza della scorsa estate: uno preparato dall’esercito israeliano, l’altro dal Gruppo Militare Internazionale. Rapporti che assolvono Israele proprio mentre sono in arrivo le conclusioni delle Nazioni Unite sui quasi due mesi di guerra dell’estate 2014.

“Chi vuole sapere la verità dovrebbe leggere questo rapporto, il rapporto di Israele e dovrebbe anche leggere il rapporto preparato dai generali stranieri” ha detto Netanyahu. “Chiunque invece voglia delle accuse infondate e preconcette contro Israele può perdere tempo a leggere il rapporto delle Nazioni Unite”.

Netanyahu ha contestualmente accusato Hamas di essere il vero responsabile di crimini di guerra, prendendo di mira i civili israeliani e usando civili palestinesi come scusi umani.

“Questo rapporto rappresenta il tentativo di Israele di autoassolversi dai crimini commessi a Gaza” ha detto Sami Abu Zuhri, portavoce di Hamas. “È il tentativo israeliano di controllare il discorso internazionale anticipando il contenuto del rapporto del Consiglio dell’Onu sui Diritti Umani”

Il conflitto – nome in codice dell’intervento israeliano “Operazione Margine di Protezione” – ha fatto circa 2.200 vittime palestinesi, in gran parte civili. Il rapporto delle Nazioni Unite dovrebbe essere reso pubblico a fine giugno. Israele ha inoltre archiviato l’uccisione di 4 bambini palestinesi sulle spiagge di Gaza durante un raid aereo. Episodio considerato un incidente.