ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

The Corner: tutto quello che dovete sapere su Juventus-Barcellona

Benvenuti a The Corner. La puntata di questa settimana è dedicata alla finale di Champions tra Juventus e Barcellona. A Berlino i blaugrana hanno

Lettura in corso:

The Corner: tutto quello che dovete sapere su Juventus-Barcellona

Dimensioni di testo Aa Aa

Benvenuti a The Corner. La puntata di questa settimana è dedicata alla finale di Champions tra Juventus e Barcellona. A Berlino i blaugrana hanno completato uno storico triplete, il secondo della loro storia, conquistando la Champions per la quinta volta, la quarta negli ultimi nove anni. A bianconeri non è bastato il cuore per battere la corazzata di Luis Enrique.

La partita dell’Olympiastadion si è messa subito in salita per la Juventus, colpita a freddo da Rakitic, autore dell’1-0 dopo appena quattro minuti. I bianconeri hanno rischiato il tracollo, ma a tenerli a galla ci ha pensato il solito Buffon, che al 13’ ha negato il raddoppio a Dani Alves con una parata miracolosa.

“La partita è cominciata nel migliore dei modi per il Barcellona – ha detto Luis Enrique, tecnico dei blaugrana -. Abbiamo segnato alla prima occasione e dominato la prima parte di gara andando vicini al raddoppio più di una volta, ma Buffon come al solito è stato straordinario”.

Dopo avere limitato i danni, la Juventus è riuscita a rispondere in avvio di ripresa con Morata, autore dell’1-1 al 55’. Un gol che per dieci minuti ha mandato in confusione il Barcellona.

“Sull’1-1 in panchina avevo la percezione che avremmo potuto vincere la gara – ha confessato Allegri -. Poi abbiamo commesso un errore in difesa e loro ci hanno punito in contropiede con i tre davanti che sono straordinari”.

Suarez ha riportato avanti il Barcellona al 68’ approfittando di una respinta corta di Buffon su un sinistro dal limite di Messi. In pieno recupero, con la Juventus tutta sbilanciata in avanti alla ricerca del pareggio, è stato Neymar a chiudere i conti firmando il 3-1 in contropiede.

Up & Down

Il faccia a faccia tanto atteso con Chiellini non c‘è stato, ma Luis Suarez è riuscito comunque a lasciare il suo ‘morso’ sulla partita. E’ stato l’attaccante uruguaiano a colpire la Juventus nel suo momento migliore, firmando la rete che ha riportato avanti il Barcellona.

Alvaro Morata è stato il faro dell’attacco bianconero. Da solo è riuscito a tenere in apprensione la difesa blaugrana, realizzando con merito il gol del momentaneo 1-1. La Juve del futuro riparte da lui. Paul Pogba è stato tra i bianconeri meno brillanti. Contro il Barça è riemersa la sua tendenza a gigioneggiare, un rischio quando si affrontano avversari di quel livello. Il francese non era comunque al meglio dopo l’infortunio. Torino-Berlino in bici: il lungo viaggio di Nicolò

Nicolò De Marchi lo aveva promesso prima della semifinale col Real Madrid. “Se andiamo in finale vado in bici da Torino a Berlino”. La Juventus ha preso in parola tifoso bianconero, originario di Chioggia, sfidandolo a mettere in pratica la sua scommessa.

Nicolò non si è fatto pregare. E’ partito da Torino il 28 maggio e dopo 8 giorni – e più di mille chilometri sui pedali – è arrivato alla Porta di Brandeburgo. Un’impresa per cui è stato ricompensato con un biglietto omaggio per assistere alla finale.

Bloopers

Questa settimana anche la rubrica ‘bloopers’ è dedicata alla finale di Champions. In Israele la sfida tra Juve e Barcellona è stata presentata con un spot ‘selvaggio’.