ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Baku, tutto pronto per i primi Giochi europei

Javid Chalabiyev è campione del mondo di boxe pesi gallo. E’ quindi, di diritto, un aspirante alla medaglia d’oro dei Giochi europei 2015 che si

Lettura in corso:

Baku, tutto pronto per i primi Giochi europei

Dimensioni di testo Aa Aa

Javid Chalabiyev è campione del mondo di boxe pesi gallo. E’ quindi, di diritto, un aspirante alla medaglia d’oro dei Giochi europei 2015 che si terranno a Baku, in Azerbaijan, dal 12 al 28 giugno.
Il giovane pugile è convinto di fare, a ogni allenamento, un passo in avanti verso il sogno della sua vita: diventare campione dei primi giochi europei della storia.

“A questo livello dice – è estremamente importante essere preparato mentalmente. E anche l’esperienza conta. Ho vinto il campionato del mondo, dunque credo di avere queste qualità. E sono pronto a vincere i giochi europei”.

I giochi sono organizzati sotto la direzione dei Comitati olimpici europei e sono riconosciuti dal Cio, il comitato internazionale, alla stregua di altre competizioni continentali, come quelle asiatica, pan-americana e panafricana.
E nonostante siano alla prima edizione, questi giochi possono vantare la presenza di pluridecorati campioni.

“Abbiamo già l’adesione di 100 campioni olimpici su 20 diverse discipline – dice Pierce O’Callaghan; direttore sportivo -. E per le stesse discipline ci sono 12 qualificazioni alle Olimpiadi. Questo significa che i migliori atleti europei debbono venire a Baku per conquistare dei posti a Rio de Janeiro. Non ci sono dubbi che Baku attirerà i migliori”.

L’avvicinarsi dell’inizio dei giochi fa battere forte il cuore non solo degli atleti, ma anche degli organizzatori. Hanno avuto solo due anni e mezzo di tempo dopo l’assegnazione dei giochi a Baku. La tensione degli ultimi giorni è evidente, come dimostra la risata nervosa del responsabile dell’organizzazione quando gli abbiamo chiesto se si sentiva rilassato.

“Sono ragionevolmente rilassato – dice Simon Clegg -. Questo non significa che non ci siano problemi, naturalmente ce ne sono quando si tratta di organizzare un grande evento internazionale come questo”.

Molto concentrato è anche il direttore artistico della cerimonia d’apertura, Dimitris Papaioannou. Il creatore dello show inaugurale delle olimpiadi d’Atene 2004 deve, anche lui, correre contro il tempo mentre cerca di trasformare in realtà le sue idee creative.

“Quello che stiamo facendo qui – dice – è davvero notevole. Stiamo letteralmente trasformando l’architettura dello stadio. Un grande lavoro. Credo che non dobbiamo preoccuparci di quanto sia impressionante. Mi preoccupo di quanto possa essere poetico. La sfida è creare storie umane con gli ingredienti che sono tipici della cultura locale. E’ il mio obiettivo”.

Più dell’80 per cento dei biglietti per la cerimonia d’apertura sono già venduti, nonostante siano i più cari di tutti i giochi europei: costano fino a 170 euro.

“Abbiamo 600 mila biglietti disponibili per l’intero evento – dice Mirjam Bogataj, responsabile della biglietteria -. Il più economico costa meno di un euro, per la gara di canoa; lo stesso per i bambini nelle competizioni di ginnastica. I più cari sono per le finali, costano intorno ai 4 euro”.

“Da un punto di vista organizzativo – aggiunge Pierce O’Callaghan – non ho dubbi che siamo pronti. Abbiamo testato oltre 20 discipline, tutte le strutture e tutti i campi da gioco. Abbiamo già ospitato sei eventi internazionali. Non c‘è dubbio, siamo pronti. Siamo ansiosi ed eccitati, non vediamo l’ora che la cerimonia inaugurale dia il via ai giochi”.

Baku aspira a diventare, per due settimane, la capitale europea dello sport. Il 13 giugno le prime 13 medaglie saranno messe in palio. Alla fine saranno 253. Se le contenderanno oltre seimila atleti provenienti da 50 differenti Paesi.