ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Volare come le api

Lettura in corso:

Volare come le api

Dimensioni di testo Aa Aa

Da sempre il volo delle api stupisce gli esperti che pure adesso orientano su queste gli studi piu’ all’avanguardia per le future macchine volanti

Da sempre il volo delle api stupisce gli esperti che pure adesso orientano su queste gli studi piu’ all’avanguardia per le future macchine volanti. Ricercatori di biorobotica presso una università di Marsiglia, Francia, hanno creato un robot volante che utilizza la vista per navigare in autonomia, proprio come gli insetti.

La maggior parte degli aeromobili usano un accelerometro per la stabilizzazione in volo. Gli insetti volanti si basano su un innato senso dell’equilibrio dato dall’osservazione ambientale e dai loro sistemi organici. Utilizzando la ricerca sulle api, gli scienziati hanno creato BeeRotor, velivolo che si stabilizza con la vista senza accelerometro.

STÈPHANE VIOLLET, ricercatore: “L’idea è fare molte cose con poche risorse e questo è l’insegnamento degli insetti. Gli insetti ci insegnano che si puo’ assumere un comportamento completamente autonomo in un ambiente che non si conosce senza cartografia, senza gps quindi a sbrigarcela con poche risorse”.

I ricercatori hanno imitato la capacità degli insetti di rilevare il paesaggio collinare su cui volano. In questo modo il BeeRotor può regolare la velocità ed evitare ostacoli senza dover misurare gravità, velocità o altitudine. Ciò significa fare proprio come gli insetti, che si basano su indizi visivi per muoversi. BeeRotor è stato testato in volo lungo una piattaforma mobile: anche in assenza di un sensore di velocità relativa è in grado di regolare la sua altezza, la velocità e di navigare autonomamente e atterrare in sicurezza.

FRANCK RUFFIER, ricercatore: “Grazie alla sua intelligenza e la sua percezione del suolo è il robot stesso che riesce a superare gli ostacoli”.

C‘è ancora molta strada da fare prima che BeeRotor voli autonomamente all’aperto. Gli scienziati devono prima adeguare la struttura per garantire una maggiore stabilizzazione e continueranno a studiare le api.