ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Ocse taglia le previsioni di crescita dell'economia mondiale

Lettura in corso:

L'Ocse taglia le previsioni di crescita dell'economia mondiale

Dimensioni di testo Aa Aa

Una ripresa appena al di sopra della “sufficienza”. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sceglie una metafora scolastica per commentare l’andamento dell’economia globale.

L’organismo di rappresentanza dei Paesi avanzati ha dato una decisa sforbiciata alle previsioni di crescita: quest’anno l’espansione del Pil mondiale si fermerà al 3,1% per poi toccare, in quello successivo, il 3,8%.

“Oggi la ripresa globale continua, sottolinea il Segretario Generale Gurría. “Ma è ancora piagata da alti livelli di disoccupazione, disuguaglianze in aumento, bassi salari e deboli aumenti di produttività. La principale ragione di questo stato delle cose è la mancanza di vigore negli investimenti”, aggiunge.

Il peggioramento delle previsioni è dovuto soprattutto alla frenata degli Stati Uniti nel primo trimestre. La crescita della principale economia del pianeta si fermerà al 2% quest’anno. A pesare è anche il rallentamento della seconda economia mondiale, la Cina

Ma l’Ocse sottolinea come le condizioni per una ripresa vera ci siano: prezzi del petrolio in calo e politiche monetarie espansive, ad esempio, fanno dell’Eurozona un faro per le altre economie. Con l’incognita Grecia, però, la cui crisi del debito rischia di far ripiombare il blocco in piena recessione.