ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scandalo FIFA, sponsor preoccupati. Visa minaccia di tagliare i ponti

Lettura in corso:

Scandalo FIFA, sponsor preoccupati. Visa minaccia di tagliare i ponti

Dimensioni di testo Aa Aa

“La nostra delusione nei confronti della FIFA, alla luce delle indagini emerse questo mercoledì, è profonda”. Firmato Visa. Al marchio di carte di credito, uno dei principali partner dell’organizzazione, lo scandalo che ha colpito i vertici del calcio mondiale non è piaciuto.

E minaccia: se il vento non cambia, potremmo interrompere i rapporti di sponsorizzazione. Senza dubbio la presa di posizione più dura fino a questo momento, alla quale, seppur in modo più velato, si aggiungono le preoccupazioni espresse dai partner storici: Coca Cola ha parlato di reputazione della Coppa del Mondo “macchiata”, mentre Adidas ha chiesto “standard di trasparenza all’altezza”.

“È probabile che i grandi marchi a cui sta molto a cuore la propria immagine pensino effettivamente di spostare altrove le sponsorizzazioni”, commenta Kathleen Brooks di Forex.com. “Non si parlerà solo di rinegoziaziare gli accordi. L’intero mondo del calcio potrebbe essere penalizzato”, aggiunge.

Anche Hyundai, l’unico partner asiatico della Fifa per i mondiali in Russia del 2018, si è detto preoccupato. E non è la prima volta che gli sponsor lanciano un avvertimento: soltanto la settimana scorsa Adidas, Visa e Coca Cola avevano chiesto alla Fifa di prendere sul serio il tema dei lavoratori stranieri in Qatar dopo che una serie di rapporti avevano messo in luce sistematiche violazioni dei diritti umani nei cantieri del Mondiale del 2022.

Qualcuno, forse, aveva capito che aria tirava ai vertici del pallone: lo scorso novembre Sony e la compagnia aerea Emirates avevano annunciato la fine del rapporto con la Fifa. La motivazione ufficiale: i costi eccessivi di sponsorship. Ma fonti della società giapponese spiegano come già allora ci fossero sospetti di corruzione.