ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La FIFA sugli arresti: "Blatter non c'entra e resta al suo posto"

Il responsabile della comunicazione Walter De Gregorio: "Il Congresso si svolgerà come previsto: venerdì il voto per la Presidenza"

Lettura in corso:

La FIFA sugli arresti: "Blatter non c'entra e resta al suo posto"

Dimensioni di testo Aa Aa

“Sepp Blatter non è coinvolto e non c‘è quindi motivo che si dimetta. Il voto di venerdì per una sua eventuale conferma si svolgerà come previsto”. Nella sua prima reazione ufficiale, la FIFA sostiene che gli arresti delle ultime ore non cambiano nulla e che ne uscirà anzi rafforzata.

Point of view

Nessun cambiamento in seguito alle inchieste penali: i Mondiali di 2018 e 2022 restano in Russia e in Qatar

“Non ci crederete, lo so, ma torno a ripetervelo ancora una volta – ha detto il responsabile della comunicazione Walter De Gregorio -: quanto accaduto, per la FIFA è un bene. Certo non sul piano dell’immagine e neanche su quello della reputazione. Rispetto al rinnovamento interno che portiamo avanti da quattro anni è però positivo”.

Invariati anche i piani per le Coppe del Mondo del 2018 e 2022, oggetto di un separato procedimento penale: le due edizioni – ha detto De Gregorio – si terranno come previsto in Russia e in Qatar.